Bruno Henrique si presenta al Palmeiras: “Ho accettato subito”. E sul Palermo…

Bruno Henrique si presenta al Palmeiras: “Ho accettato subito”. E sul Palermo…

La conferenza stampa di presentazione di Bruno Henrique al Palmeiras.

Una stagione dura, difficile, in cui avrebbe voluto trovare equilibri e, invece, ha incontrato solo problematiche di fronte al suo percorso.

Nel suo primo anno di Serie A, Bruno Henrique ha conosciuto il lato peggiore del calcio italiano, sportivamente parlando, e la retrocessione del suo club in Serie B. Probabilmente, agendo accanto ad interpreti con maggiore esperienza alle spalle nel calcio italiano, avrebbe reso meglio, legittimando il grosso investimento effettuato dai rosanero un’estate fa, quando l’allora direttore sportivo del club di viale del Fante, Daniele Faggiano, lo portò all’ombra di Monte Pellegrino per una cifra importante: oltre tre milioni di euro versati nelle casse del Corinthians. E Bruno Henrique è divenuto, peraltro, il calciatore più pagato dell’intero organico dei siciliani, dall’alto dei suoi 700 mila euro netti a stagione. “La fortuna – ha detto Zamparini giusto una giornata fa – è che alla fine siamo riusciti a trovare una squadra che se lo sia preso per tre milioni”. Perdite contenute, dunque, per la società rosanero che lo ha venduto al Palmeiras.

Il giovane vecchio Zamparini. Palermo travestito da nuovo, senza cambiare niente

E proprio questa sera (22.30 ore italiane, le 17.30 in Brasile) Bruno Henrique si è presentato ai suoi nuovi tifosi. “Sono arrivato lunedì, ho fatto le visite mediche e mi sono subito messo a lavoro. Non sono al top della mia condizione, ma lavoro per esserlo. Se il mister reputa necessario che io scenda in campo, lo farò”, ha premesso il classe ’89 rispondendo ai giornalisti brasiliani che gli chiedevano a proposito della sua condizione fisica. Indosserà la maglia numero 19.

“Quella con il Palmeiras è stata una negoziazione rapida, veloce, ho accettato subito appena ho percepito a pelle l’importanza del progetto. Come sarà affrontare il Corinthians, squadra di cui sono stato capitano? Sarà normale, disputerò quelle partite con massimo rispetto nei confronti di un club che mi ha dato tanto”. Ultima chiosa sull’esperienza al Palermo: “In Italia sono cresciuto tanto, ho imparato nuove cose: quella italiana è una scuola di calcio diversa, l’ambiente calcistico lì è particolare e occorre che ti ambienti presto. Adesso il mio presente è qui, al Palmeiras”, ha concluso Bruno Henrique.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy