Palermo, venerdì un’altra assemblea dei soci: la Covisoc torna a farsi sentire, serve anche la fideiussione

Palermo, venerdì un’altra assemblea dei soci: la Covisoc torna a farsi sentire, serve anche la fideiussione

L’organo di vigilanza bussa alla porta del club rosa: la società deve ripianare i conti con 8,2 milioni di euro per ottenere il via libera per l’iscrizione al campionato

Ancora tre giorni di attesa. Il Palermo saprà venerdì se e come verranno immessi in società i capitali necessari all’ottenimento dell’iscrizione al prossimo campionato

Si apre così l’edizione odierna de Il Giornale di Sicilia, che riporta come di questi soldi, che in parte sarebbero già stati versati da Sporting Network, il Cda avrebbe domandato di ottenere un’effettiva contezza entro la fine di questa settimana, in modo da poter rientrare nei parametri richiesti dalla Covisoc e cancellare in maniera definitiva ogni dubbio relativo all’ottenimento della licenza. La commissione di vigilanza, inoltre, avrebbe anche inviato al club siciliano una contestazione all’interno della quale avrebbe chiesto di ripianare con circa 8,2 milioni di euro i conti della società di Viale del Fante.

(Palermo: il comunicato di Sporting Network dopo assemblea dei soci)

L’assemblea dei soci di Sporting Network e del club rosanero è durata circa cinque ore e si sarebbe svolta in maniera “assolutamente serena“, come ammesso dallo stesso presidente Alessandro Albanese, il quale ha fatto gli onori di casa ospitando presso la sede di Sicindustria il dg Lucchesi, l’ad Bergamo e la dirigente amministrativa De Angeli: l’incontro è iniziato verso le 10 del mattino e terminato poco dopo le 15, con i Tuttolomondo presenti in collegamento telefonico. Il termine ultimo per l’iscrizione al torneo di Serie B, quello da segnare in rosso sul calendario, riporta dunque al prossimo 24 giugno ma la nuova proprietà parrebbe essere convinta di riuscire a giungere in anticipo a tale traguardo.

(Palermo, assemblea dei soci in corso: iscrizione al campionato e capitale da versare. I dettagli)

Entrambe le assemblee non si sono comunque chiuse, con i soci che si aggiorneranno infatti venerdì “per la definitiva rendicontazione e produzione della documentazione tecnica e contabile da inviare alla Lega B al fine di assicurare la puntuale iscrizione del club calcistico al prossimo campionato“. Per farlo, però, sarà strettamente necessario tener conto delle linee guida indicate ieri dalla Covisoc, ossia pagare gli stipendi dei vari tesserati con relative ritenute Irpef e contributi Enpals in riferimento al trimestre marzo-maggio (per un totale di circa 5 milioni di euro) e stipulare una fideiussione da 800 mila euro.

(Palermo, Albanese: “Iscrizione al campionato? Sono sereno. Ecco cosa dico ai tifosi…”)

Sempre secondo quanto riportato stamane dal noto quotidiano regionale, le tempistiche altamente ravvicinate ed il bisogno immediato di dare conto almeno delle “pezze giustificative“, così come le ha chiamate il presidente Alessandro Albanese, non turbano comunque la nuova proprietà del club rosanero: “Il Palermo ha bisogno di dimostrare il versamento di 8,2 milioni per mettersi in pari e l’attuale proprietà dovrà dar prova venerdì di averli immessi nelle casse societarie, o quantomeno di averli utilizzati per far fronte a pagamenti necessari per la gestione del club“.

(Palermo, Bergamo: “Iscrizione campionato? Abbiamo pianificato ogni cosa, non c’è nessun problema”)

Lunedì scatterà, inoltre, il termine ultimo per presentare la totalità della documentazione utile all’iscrizione al prossimo campionato di Serie B, ma anche in seguito a tale data sarà necessario attendere per avere il via libera definitivo. La Covisoc valuterà infatti la richiesta e darà l’esito dell’istruttoria in merito alle condizioni economiche delle società coinvolte entro il 4 luglio. Chi non dovesse rientrare nei parametri previsti dalla Commissione di vigilanza, potrà effettuare ricorso entro il termine perentorio dell’8 luglio con una tassa da 15 mila euro annessa, pena l’inammissibilità:

La Covisoc si esprimerà dinanzi al Consiglio federale l’11 luglio e, basandosi sul parere dell’organo controllante, l’indomani verrà presa la decisione sulla concessione delle licenze ai club inizialmente esclusi. La scadenza di lunedì prossimo, dunque, prevede solo l’adempimento da parte delle società agli obblighi previsti dalla Federcalcio, incluso il deposito di una fideiussione che per chi partecipa alla Serie B è di 800 mila euro. Una volta espletati tutti i punti previsti dal manuale sulle licenze nazionali, bisognerà attendere il parere della Covisoc per ufficializzare l’iscrizione“.

(Palermo, Lucchesi: “Stiamo lavorando, ci iscriveremo al prossimo campionato. I tifosi stiano tranquilli”)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy