Palermo, querelle Mirri-Di Piazza: all’ex consigliere spetta la liquidazione, adesso la partita è bollente

Mirri-Di Piazza è rottura definitiva: dimissioni, accuse e scenari

“Una rottura definitiva tra Mirri e Di Piazza che fa da preludio a una guerra societaria in casa Palermo”.

Apre così l’odierna edizione de ‘La Gazzetta dello Sport’, che punta i riflettori in casa Palermo. Nella serata di lunedì, la notizia: Tony Di Piazza ha deciso di lasciare il club rosanero. Nel dettaglio, il noto imprenditore italo-americano, che detiene il 40%, ha informato i soci di aver formalizzato lo scorso 11 dicembre il recesso dalle quote di Hera Hora. La decisione è stata comunicata nel corso dell’ultimo cda.

Palermo, Mirri sulle dimissioni di Di Piazza: “Non ci saranno ripercussioni sulla disponibilità economica della società”

Le dimissioni di Di Piazza aprono “a molteplici scenari sul futuro e sulle ambizioni della società”. Altalenante la posizione del presidente Dario Mirri – possiede il 60% del pacchetto azionario di Hera Hora insieme a Damir -, che nella giornata di ieri, da una parte ha provato a rassicurare i tifosi affermando che non sarebbe cambiato nulla nel progetto societario, dall’altro ha accusato l’imprenditore italo-americano di recare danni al Palermo. Tenendo in considerazione che, “una volta formalizzato il recesso, al socio che lascia spetta la liquidazione delle sue quote”, adesso tra Mirri e Di Piazza si ‘giocherà’ la partita più importante e bollente del loro rapporto.

ESCLUSIVA Palermo, Mirri anticipa azioni legali contro Di Piazza: “Arrecato grave nocumento alla Società ed al suo valore”

L’ex vicepresidente, che sul proprio account Instagram ha salutato e ringraziato la tifoseria palermitana con parole al miele, dovrà ricevere entro 180 giorni dalla formalizzazione dell’uscita da Hera Hora i soldi che gli spettano. A questo punto, le possibilità sono due “o le due parti riusciranno a mettersi d’accordo sulla cifra che spetta a Di Piazza o si giungerebbe a uno scontro che potrebbe poi finire davanti ai giudici a colpi di perizie e carte bollate”. Dunque, una somma che prima era destinata al progetto del Palermo dovrà tornare nelle tasche di Di Piazza e “a quel punto il budget triennale non ammonterà più ai famosi 15 milioni”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 2 settimane fa

    Non è un budget, ma capitale sociale non versato e quindi Di Piazza ha invitato il socio a capitalizzare la società per fare una squadra competitiva, si è sentito rispondere picche. Senza contare che non hanno rinnovato il contratto a Paparesta perché il suo stipendio se l e messo in tasca Sagramola sotto firma di aumento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy