Palermo, parte il conto alla rovescia: settimana decisiva. Dragotto: “Ripartire dai dilettanti sarà un bene”

Palermo, parte il conto alla rovescia: settimana decisiva. Dragotto: “Ripartire dai dilettanti sarà un bene”

“Sono interessato al futuro dei rosanero. Per far ripartire il calcio in città occorre una cordata di imprenditori italiani seri”

È cominciato il conto alla rovescia per le sorti del Palermo calcio“.

Apre così l’edizione odierna de La Repubblica parlando delle sorti della squadra rosanero. Sarà, infatti, questa la settimana decisiva per la società di viale del Fante, che ha visto respingersi la domanda di iscrizione da parte della Covisoc. Nella giornata di ieri il Palermo ha presentato ricorso alla Figc inviando un lungo faldone pieno di documenti che attesterebbero la buona fede della proprietà che continua a dirsi pronto ad iscrivere la squadra al prossimo campionato di serie B, ma le speranze che vada a buon fine sono praticamente pari a zero.

Palermo, presentato il ricorso per l’ammissione in Serie B. I dettagli

Intanto l’amministrazione comunale continua a lavora al bando che verrà pubblicato il 12 luglio, data in cui la federazione si esprimerà in via definitiva: “Tra i nomi più diffusi in città dei probabili acquirenti del Palermo, ci sono quelli degli imprenditori palermitani Dario Mirri e Tommaso Dragotto, oltre a quello dell’italo-americano Tony Di Piazza, originario di San Giuseppe Jato ma da anni stabilitosi in America. L’attuale presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, invece, sembra non essere tra i favoriti“.

L’avviso che verra pubblicato dal sindaco del capoluogo siciliano Leoluca Orlando, non potrà escludere dei partecipanti ma il primo cittadino ha fatto intendere a chiare lettere che propenderà per chi non farà del Palermo una squadra satellite. Ferrero è a lavoro per cercare di cedere la Sampdoria, ma la trattativa col gruppo capitanato da Gianluca Vialli non è ancora conclusa.

Ferrero: “Voglio il Palermo, ma non so se venderò la Sampdoria. Ecco cosa ho in mente”

Se Mirri al momento si limita esclusivamente a confermare il proprio impegno nel voler sostenere il Palermo, anche Tommaso Dragotto ribadisce il suo interessamento per rilevare il club in serie D. Da qualche giorno l’imprenditore, leader dell’autonoleggio in Italia, è diventato anche il maggior finanziatore della società di basket “Verga Palermo” che, dopo aver vinto i play off in serie A2 la scorsa stagione, il prossimo anno disputerà il campionato nazionale di serie A1 femminile“.

L’imprenditore palermitano, nonostante l’investimento nella squadra cestistica continua a seguire da vicino le vicende del Palermo: “Sono interessato al futuro dei rosanero – ribadisce Dragotto –. Per far ripartire il calcio in città occorre una cordata di imprenditori italiani seri. Ogni medaglia ha il suo rovescio e ripartire dai dilettanti, azzerando tutto, forse sarà un bene per il Palermo“.

Caos Palermo, Dragotto si sbilancia: “Disposto ad acquistare il titolo del club rosanero. La mia cordata? Non escludo che Mirri…”

E sugli obiettivi della nuova Sicily by Car Palermo Basket non ha dubbi: “Sono nato per vincere e mi piacerebbe vedere il basket palermitano lottare per le prime posizioni in classifica. Scudetto? Chissà! Il sogno sarebbe raggiungere l’Europa. Vedremo cosa riserverà il futuro“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy