Palermo, la notte delle stelle: il 26 agosto al Barbera arrivano le leggende rosanero. Mirri: “Non vedo l’ora”

Palermo, la notte delle stelle: il 26 agosto al Barbera arrivano le leggende rosanero. Mirri: “Non vedo l’ora”

Squadra presentata allo stadio, così come accadde 32 anni fa con l’Atletico Mineiro. Stavolta i giocatori sfideranno campioni come Vasari, Toni, Miccoli, Zauli e Chimenti

Anche il nuovo Palermo avrà il suo Atletico Mineiro. Anche la squadra che l’1 settembre ricomincerà dalla serie D dopo la scomparsa della vecchia società avrà la sua serata magica. L’appuntamento è fissato per lunedì 26 agosto“.

Apre così l’edizione odierna de La Repubblica, annunciando la parata di stelle rosanero che al Barbera sfiderà il nuovo Palermo. L’occasione per vedere per la prima volta all’opera la squadra rosanero sarà anche quella per rivedere al Barbera le vecchie glorie del club siciliano. Una serata dal sapore amarcord per tutti i tifosi, che avranno la possibilità di riaccogliere virtualmente in rosanero i loro beniamini.

La nuova squadra inizia a prendere forma, sarà un mix tra calciatori esperti e giovani promesse, che avranno l’opportunità di misurasi con i giocatori che hanno reso il Palermo celebre nel mondo. L’elenco degli ex che hanno già accettato è lunghissimo: “Sorrentino, Miccoli, Toni, Zauli, Balzaretti, Zaccardo, Berti, Biava, Amauri. E poi ancora giocatori di una generazione precedente come Vasari, La Grotteria, Cappioli, Biffi. Gente del Palermo precedente al primo fallimento come Vito Chimenti o Gianpaolo Montesano e altri ancora che hanno vissuto quella notte del 19 agosto del 1987 e la sfida contro l’Atletico Mineiro come Santino Nuccio che segnò il gol dell’1 a 1“.

Zaccardo: “Tornare nel Palermo sarebbe una bella possibilità, io sono pronto. Tutto sul mio futuro”

A guidare le squadra delle vecchie glorie sarà Pino Caramanno, allenatore del Palermo della rinascita, mentre per quanto riguarda Francesco Guidolin i contatti sono ancora in corso. Invitati alla festa anche Dybala, Belotti, Cavani e Amauri, i quali in linea di massima hanno dato la loro disponibilità ma attendono l’ok delle rispettive squadre per ufficializzare la loro presenza. I calciatori del nuovo Palermo e le vecchie glorie che li accompagneranno in campo, una vera e propria notte di festa per i tifosi rosanero, che con l’occasione avranno probabilmente la possibilità di ascoltare l’inno a cui stanno lavorando Salvo Ficarra e Lello Analfino.

Felicissimo e pronto a vivere questa grande serata anche il nuovo presidente rosanero Dario Mirri: “Non vedo l’ora di ammirare in campo il mio idolo Vito Chimenti. Quando abbiamo pensato a questa iniziativa l’abbiamo pensata come un modo per unire il passato e il presente e soprattutto per fare conoscere al pubblico palermitano i nuovi giocatori. Ricordo perfettamente quella partita con l’Atletico Mineiro e il boato quando venne chiamato Bigotto Nessuno lo conosceva così come nessuno conosceva i Macrì, i Cracchiolo e i Pappalardo. Adesso vogliamo che la gente impari a conoscere e ad apprezzare i nuovi giocatori“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy