Palermo, il preparatore atletico Petrucci: “Difficile programmare il lavoro, l’incertezza non ci aiuta. Alla ripresa…”

Palermo, il preparatore atletico Petrucci: “Difficile programmare il lavoro, l’incertezza non ci aiuta. Alla ripresa…”

“È chiaro che in questo momento i carichi di lavoro, rispetto alle loro abitudini, siano leggeri. Per forza di cose, è un lavoro al di sotto dei loro standard”

Non sappiamo veramente quali siano i tempi e questa è la cosa peggiore, perché così è difficile programmare. Per questo ho un piano settimanale e sono in contatto quotidianamente con i calciatori per dare loro il programma da seguire“.

Così il preparatore atletico del Palermo, Marco Petrucci, in merito al lavoro che sta svolgendo la squadra rosanero in questi giorni di stop forzato a causa dell’emergenza Covid-19. La società di viale del Fante ha comunicato quest’oggi che le sedute continueranno ad esser sospese fino al 3 aprile. Intervistato da Il Giornale di Sicilia, Petrucci ha poi proseguito: “È chiaro che in questo momento i carichi di lavoro, rispetto alle loro abitudini, siano leggeri. Per forza di cose, è un lavoro al di sotto dei loro standard“.

Emergenza coronavirus, la decisione del Palermo: allenamenti sospesi fino al 3 aprile. Il comunicato

Noi cerchiamo di non decondizionare l’atleta e devo dire che i ragazzi stanno dimostrando di essere dei professionisti esemplari – racconta Petrucci -. Mando loro sia il programma cartaceo che un tutorial video con esercizi di potenziamento muscolare, alternato ad esercizi con metodo Tabata per far alzare i battiti cardiaci e dare qualche stimolo cardiovascolare. Facciamo un po’ di lavoro di forza, esercizi di andatura e coordinazione a casa e tutti, a fine giornata, mi mandano un resoconto del lavoro svolto“.

Godeas-Mediagol: “Calcio e Coronavirus, ho la mia idea. A Palermo anno top, Santana ha un problema. Corini-Tedesco-Caracciolo, vi dico tutto”

Qualora dovessero riprendere gli allenamenti i calciatori dovrebbero poi accelerare, in maniera tale da poter raggiungere l’obiettivo: “È inevitabile che la preparazione dovrà cambiare – prosegue Petrucci – ma dipenderà tutto dalle decisioni della Federazione sulla data della prima partita. Se giochi subito dopo il rientro, di fatto giochi senza una preparazione. Il tempo è un’incognita“.

Petrucci, infine, si è soffermato sullo stato di forma che aveva la formazione di Pergolizzi prima dello stop: “Eravamo ad un buon livello di forma da parte di tutti. Anche di chi non aveva un alto minutaggio. Sono preparatore atletico del Palermo da una decina d’anni e quest’anno siamo stati bravi a tenere alto il livello della condizione di chi sta spesso in panchina. Inoltre abbiamo avuto veramente pochi infortuni muscolari“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy