Monza, la rivelazione di Galliani: “Il Covid mi ha cambiato, temevo di morire”

Le parole del dirigente dei lombardi

monza

Mi sono reso conto che nella vita ciò che conta di più è la salute.

Queste le parole di Adriano Galliani, dirigente del Monza e storico direttore sportivo del Milan intervenuto in merito al suo periodo di positività al Covid 19. Lunghe le settimane di malattia dell’ex uomo mercato dei rossoneri, che in un’intervista rilasciata ai microfoni del Corriere della Sera ha raccontato nei dettagli le sue sensazioni durante questa brutta esperienza.

Monza, buone notizie per Galliani: dimesso dall’ospedale San Raffaele

Ecco le sue parole:“Adesso mi sento meglio, molto meglio. Ma ho temuto di morire e ho perso dieci chili.  Sono stato in terapia intensiva dal 7 marzo al 17 e sono stati i dieci giorni più lunghi della mia vita, un vero incubo. Nel reparto di terapia intensiva non ci sono finestre, non vedevo nulla: davanti a me avevo solo un muro. Io soffro anche di claustrofobia ed è stato difficilissimo non vedere la luce per dieci giorni. Quando il 17 marzo sono risultato negativo e sono stato trasferito in reparto ho finalmente tirato un sospiro di sollievo. Nella mia vita ho avuto la fortuna di andare nei migliori alberghi di lusso, ma quando sono arrivato lì ho pensato che quel reparto fosse il posto più bello del mondo, non c’è Four Season che tenga”.

galliani

 

Galliani ha poi voluto ringraziare anche Silvio Berlusconi, rimasto al suo fianco per tutta la durata del ricovero in ospedale:  “Voglio ringraziare i medici e gli infermieri del San Raffaele, dove ho trovato un’umanità pazzesca. Una volta fuori dalla terapia intensiva stavo ore a guardare il cielo e questa cosa mi riempiva il cuore. Facevo ancora punture, aerosol e avevo ancora dei fastidi – ha proseguito il senatore di Forza Italia -, ma vedevo il cielo. Questa esperienza ha cambiato la mia psiche, adesso so che la salute è l’unica cosa che conta nella vita”.

VIDEO Monza, Balotelli instancabile: l’allenamento in palestra è devastante!

“Oltre alla mia famiglia, la persona che mi è stata più vicino è Silvio Berlusconi: era preoccupato per me, mi scriveva continuamente e mi dimostrava tutto il suo affetto. Anche quando non potevo rispondere a causa della stanchezza trovavo le sue chiamate. Una dimostrazione d’amore. Io ho vissuto tre delle quattro vite di Berlusconi, non ero al suo fianco soltanto nella vita da costruttore. Per il resto sono sempre stato con lui, ovunque abbia deciso di primeggiare, dalla televisione al calcio alla politica. Un giorno mi disse: ‘Vogliamo portare il Milan in cima al mondo?’. In tre anni abbiamo vinto la Coppa Intercontinentale”.

Milan, Maldin senza filtri: “Attacco a Berlusconi e Galliani? Ecco la verità su quell’intervista”

Chiosa finale del senatore di Forza Italia in merito al tempo passato in malattia, nel quale non gli è stato possibile guardare partite di calcio: “Attualmente mi trovo nella mia casa a Milano e ho provato una gioia infinita nel fare la prima doccia dopo tre settimane. Dopo aver visto la morte si apprezzano anche le cose più banali. I medici mi hanno detto che per riprendermi definitivamente avrò bisogno di circa un mese, ho perso dieci chili perché in quei giorni non riuscivo nemmeno a mangiare una polpetta. La prima cosa che farò, insieme a Pierferdinando Casini che ha avuto il Covid come me, sarà andare a pregare al Santuario della Madonna di San Luca. Se mi è mancato il calcio? Tanto – ha confessato l’ad del Monza -, è la mia grande passione. Ho seguito i campionati, ma soltanto attraverso la piattaforma livescore. Non ho visto le partite perché avevo l’angoscia che nel corso delle gare potessero parlare delle morti e della pandemia”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy