Coronavirus, Gravina: “Apriamo gli stadi ai cittadini vaccinati, premio straordinario per operatori sanitari”

Il presidente federale: “Aprire gli stadi ai vaccinati sarebbe un premio straordinario per medici e operatori sanitari”

Il sogno di Gabriele Gravina.

Nella mattinata di ieri, il presidente della Federcalcio, ha depositato la sua candidatura alla presidenza della FIGC: in carica da fine 2018, il numero uno della Federazione Italiana Giuoco Calcio ha ricevuto il sostegno ufficiale di Serie A, Serie B, Lega Pro, Assoallenatori e Assocalciatori per il suo programma – 128 pagine – dal titolo “La partita per il futuro”.

FIGC, Gravina si ricandida: “Il 4-3-3 sarà il mio schema per rilanciare il calcio, vi spiego meglio”

L’idea, l’obiettivo e il progetto di Gravina è quello di rilanciare, quanto prima, il calcio italiano, attualmente in sofferenza a causa dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus. Il sogno più grande, però, è il possibile ritorno del pubblico negli stadi, a partire dai primi vaccinati: “Sarebbe un messaggio importante per il nostro Paese e un premio straordinario per i medici e gli operatori sanitari, la prima fascia coinvolta nella vaccinazione”, ha dichiarato il presidente della Figc.

Tuttavia, l’obiettivo più urgente – scrive l’odierna edizione del ‘Corriere dello Sport’ -, resta l’ottenimento di aiuti per i club in difficoltà, che a conti fatti ogni anno finanziano le casse pubbliche con 1 miliardo e 300 milioni di tasse.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy