CORONAVIRUS, TUTTA ITALIA IN ZONA ROSSA. CONTE: “RESTATE A CASA”

CORONAVIRUS, TUTTA ITALIA IN ZONA ROSSA. CONTE: “RESTATE A CASA”

Il Premier Giuseppe Conte ha comunicato la decisione di allargare la zona rossa a tutta l’Italia

L’emergenza Coronavirus continua a spaventare l’Italia.

Nonostante le misure restrittive adottate dal Governo dopo l’emanazione del nuovo decreto, la situazione in Italia non solo non è migliorata, ma è addirittura peggiorata: i casi di contagio sono aumentati in modo incrementale e la situazione negli ospedali peggiora giorno dopo giorno.

CORONAVIRUS, AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

Fino ad oggi le zone rosse ad alto rischio, nelle quali sono state fermate tutte le attività commerciali, le scuole e gli uffici pubblici, sono state le regioni Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Veneto, ossia i luoghi dove erano presenti i focolai più grandi e complicati da gestire e controllare. In tutte le altre regioni d’Italia, considerate zone gialle o comunque a basso rischio di diffusione, erano semplicemente state diffuse delle regole da seguire al fine da adottare il giusto comportamento e limitare la diffusione del Coronavirus. Per tale ragione erano stati chiusi bar, cinema e teatri al fine di evitare l’aggregamento di individui negli spazi pubblici, e la Lega ha deciso di fermare ufficialmente il campionato fino al mese di aprile.

Emergenza Coronavirus, L’Aic tuona: “Pericoloso giocare a calcio, la Serie A va fermata”

Il Governo ha dunque deciso di allargare la zona rossa a tutta Italia. A confermarlo è stato il Premier Giuseppe Conte, che ha parlato così in conferenza stampa: “Vi comunico che abbiamo adottato una nuova decisione come Governo. Siamo consapevoli di quanto sia difficile cambiare le nostre abitudini, ho la massima comprensione per tutti gli italiani, per i giovani. Purtroppo non c’è tempo, i numeri ci dicono che stiano avendo un aumento dei contagi, delle persone in terapia intensiva e dei deceduti. Le nostre abitudini, quindi, vanno cambiate, ora. Dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa: è per questo che abbiamo deciso di adottare misure più forti e stringenti, per contenere l’avanzata del Coronavirus e tutelare la salute dei nostri concittadini, che è il nostro obiettivo primario. Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare con l’espressione: io resto a casa. Non ci sarà più una zona rossa, non ci saranno più una zona 1 e una zona 2 della penisola. Ci sarà un’unica zona: saranno da evitare su tutto il territorio gli spostamenti, a meno che non siano necessari per tre circostanze: comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità e motivi di salute. Aggiungiamo un divieto degli assembramenti all’aperto e in locali aperti al pubblico. Comprendiamo la voglia dei giovani, non ci possiamo permettere più queste occasioni di aggregazione che diventano occasioni di contagio. Non è facile, sono consapevole della gravità di adottare queste misure, ma sono consapevole della necessità di intervenire in maniera più decisa“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy