Balotelli, anche la figlia vittima di razzismo. Raffaella Fico: “All’asilo una bambina le ha detto…”

Balotelli, anche la figlia vittima di razzismo. Raffaella Fico: “All’asilo una bambina le ha detto…”

Anche la figlia di Balotelli è stata vittima di insulti razzisti all’asilo: il racconto surreale di Raffaella Fico

Il surreale racconto di Raffaella Fico.

Quanto accaduto a Mario Balotelli durante la sfida tra il Brescia e il Verona della scorsa giornata di campionato è ancora al centro del dibattito nazionale: in tanti, interrogati sulla questione, hanno commentato l’episodio esprimendo la propria opinione, nella maggior parte dei casi schierandosi in difesa dell’attaccante ex Inter.

Brescia, Balotelli: “Cori razzisti? Ho fermato il gioco perché mi sono rotto le p***e! Fa male, mia figlia…”

Allo stadio Marcantonio Bentegodi, quella assurda domenica pomeriggio, erano presenti anche l’ex compagna del giocatore, Raffaella Fico, insieme alla figlia Pia: le due fortunatamente avevano lasciato la struttura al termine del primo tempo, e così non hanno dovuto assistere direttamente a quello che ha subito Balotelli.

Atalanta-Manchester City, Guardiola: “San Siro è mitico. Razzismo? Spero che Balotelli…”

Nonostante ciò la nota showgirl, ospite di Eleonora Daniele a Storie Italiane, ha confessato che l’episodio di Verona non rappresenta un unicum, e che lei stessa ha più volte ricevuto insulti razziali durante la relazione con l’attaccante del Brescia: “Quando stavo con lui e facevo le serate in discoteca, mi è capitato che entravo e mi facevano il verso della scimmia“. Una situazione che ha incredibilmente coinvolto anche la loro piccola figlia, che stando a quanto raccontato dalla madre è stata offesa anche da una sua compagna durante una mattina trascorsa all’asilo: “Una bambina all’asilo le ha detto: ‘Tu sei una ne**a di me..a, tu porti le infezioni‘”.

Verona-Brescia, Balotelli rompe il silenzio e attacca: “Chi nega l’evidenza non è un uomo, ai miei colleghi in campo dico che…”

Una confessione delicatissima che mostra in modo significativo come il problema del razzismo, dentro e fuori i campi di calcio, non può e non deve essere sottovalutato e deve essere risolto in modo repentino e radicale prendendo seri provvedimenti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy