Napoli-Liverpool, Ancelotti: “La squadra vuole crescere, ci crede. Ecco cosa ho detto a Klopp…”

Napoli-Liverpool, Ancelotti: “La squadra vuole crescere, ci crede. Ecco cosa ho detto a Klopp…”

Il tecnico del Napoli ha commentato la vittoria ottenuta contro il Liverpool grazie ai gol di Mertens e Llorente

Il Napoli batte il Liverpool.

Tra le mura dello stadio Olimpico è andata in scena la sfida tra gli azzurri e i Reds, primo match dei due club in Champions League. Grazie ad una splendida prestazione i padroni di casa hanno trionfato 2 a 0 con il calcio di rigore trasformato da Dries Mertens e il gol di Fernando Llorente, alla prima rete con la maglia azzurra.

Champions League, Napoli-Liverpool 2-0: decidono Mertens e Llorente, San Paolo in festa

partenoepei hanno dunque iniziato nel miglior modo possibile il loro cammino nella competizione europea più prestigiosa, battendo i Campioni d’Europa in carica e prendendosi momentaneamente il primo posto del gruppo E al pari del Salisburgo, che ha asfaltato 6 a 2 il Genk grazie alla tripletta di Haland, classe 2000 all’esordio assoluto in Champions.

Champions League, 1a giornata: cade il Chelsea, esordio da sogno per Haland. Risultati e marcatori

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport al termine del match Carlo Ancelotti, tecnico del Napoli, ha commentato così la prestazione dei suoi uomini: “Con il Liverpool è difficile sempre, dall’inizio alla fine. L’idea era di non perdere, c’era da sacrificarsi. A volte abbiamo forzate giocate da dietro, era complicato perché loro pressano bene. Abbiamo provato a verticalizzare di più su Lozano. La partita è sempre stata in equilibrio. La squadra mi è piaciuta molto nel finale, sullo 0-0, ci siamo messi lì e abbiamo difeso senza troppi fronzoli. Poi abbiamo segnato i due gol. Questa squadra vuole crescere, ci crede, ha tanta qualità. A volte ci si perde un po’, ma è normale. Mi è piaciuta molto la squadra quando la gara non era in controllo. E’ entrato Llorente che ci ha dato una mano in appoggio. Il primo gol nasce da una palla lunga. A volte mettere la palla lunga non è una bestemmia, dobbiamo saper fare tutto. Di Lorenzo? Gli ho chiesto quante partite di Champions League avesse giocato, mi ha risposto nessuna. Ha cominciato bene (scherza, ndr). Klopp? Gli ho detto ‘Stai tranquillo, che se perdi qua poi alla fine vinci la Champions’. Si è rasserenato (ride, ndr)“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy