Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

SERIE B

Catanzaro, il ds Magalini: “Più forti in B? Palermo in primis, il suo un mercato…”

Catanzaro, il ds Magalini: “Più forti in B? Palermo in primis, il suo un mercato…” - immagine 1
Le dichiarazioni del direttore sportivo del Catanzaro, Giuseppe Magalini sul campionato di Serie B e sull'attuale sessione di calciomercato
⚽️

Parola a Giuseppe Magalini. Il direttore sportivo del neopromosso Catanzaro - ai microfoni di "TMW" - ha approfondito il tema calciomercato, soprattutto quello in odore giallorosso. Il futuro di Iemmello e la competitività del prossimo campionato di Serie B i temi più caldi trattati nella lunga intervista. Di seguito, le sue parole:

Possibilità di giocare le prime partite in un altro stadio? "Lecce era un'obbligatorietà di dare uno stadio ma noi siamo fiduciosi di non giocarci neanche una volta. Stiamo lavorando a pieno regime per fare l'impossibile ma se dovesse capitare ci andremo e non ne faremo un problema".


Il momento più bello della stagione. A Pescara la penultima gara di andata quando siamo arrivati solo a +3 dal Pescara. Era una partita di cartello, uno stadio pieno, duemila tifosi del Catanzaro ci hanno seguito e lì abbiamo fatto vedere che eravamo più forti. Abbiamo vinto e convinto, forse è stato uno step mentale che ci ha dato uno slancio interiore".

Se gliel'avessero detto che avreste dominato il campionato così ci avrebbe creduto? "No. Avrei creduto che lottavamo sicuramente per poterlo vincere ma in questa maniera era impossibile pensarlo".

Iemmello in C ha fatto la differenza, il vostro obiettivo è trattenerlo? "Con Iemmello siamo stati fortunati che lui ha voluti a tutti i costi Catanzaro. Lui è di Catanzaro e ci teneva in maniera particolare a portare la squadra in Serie B. Lui è il futuro di Catanzaro, non c'è motivo perchè se ne debba andare".

Siete interessati a Bianco della Fiorentina ma non siete gli unici. "Ecco, il problema è che non siamo gli unici. Che mi piaccia Bianco penso sia una cosa scontata. E' un giocatore talmente bravo che lo sanno in tanti".

La Fiorentina lo dà solo in prestito. "Questo non mi spaventa. La situazione che può creare problematiche sono le altre squadre importanti che lo stanno cercando".

Che Serie B si aspetta? "E' una Serie B ingarbugliata, una Serie B che ha le sue titubanze e le sue problematiche. Io sono fiducioso per quello che riguarda noi però bisogna stare attenti perchè se vai a vedere l'anno scorso chi è retrocesso d'estate nessuno se ci pensava. Cerchiamo di essere l'outsider che darà fastidio".

Avete una tifoseria appassionata che meritava di tornare in Serie B. "Grandissima. Se vieni a Catanzaro adesso dici 'Ma il campionato da quanto è finito?' perchè la città è ancora imbandierata. Il tifo è ancora carico nel vero senso della parola".

Quali potranno essere le squadre più forti della B? "In questo momento, visto il mercato, mi viene difficile dirtelo. Allo stesso tempo mi viene facile dirti il Palermo in primis, credo sia l'unica che stia facendo un mercato roboante. Le altre sono tutte in una situazione in divenire ma non posso non pensare al Parma e alla Sampdoria, squadra di un blasone importante".

tutte le notizie di