Manchester United, Petit: “Bruno Fernandes-Pogba? Solo uno dei due è leader naturale”

Manchester United, Petit: “Bruno Fernandes-Pogba? Solo uno dei due è leader naturale”

Emmanuel Petit ha espresso la sua idea sulla differenza tra Bruno Fernandes e Paul Pogba

Il parere di Emmanuel Petit.

Bruno Fernandes è stato uno degli acquisti più costosi della sessione di calciomercato invernale appena trascorsa: il Manchester United ha infatti sborsato una grossa cifra pari a 55 milioni di sterline più bonus per strappare allo Sporting Lisbona il suo miglior talento. Il centrocampista portoghese ha ripagato immediatamente le aspettative, conquistando da subito un posto da titolare e realizzando tre gol tre assist in appena otto gare tra Premier League (dove ha anche vinto il titolo di miglior giocatore del mese di febbraio) ed Europa League.

Manchester United, Bruno Fernandes: “Di Natale maestro, CR7 idolo. Ilicic? Mi piace da Palermo. Vi dico la mia su Dybala”

Bruno Fernandes è dunque diventato già il leader in campo dei Red Devils, “appropriandosi” di fatto del titolo che naturalmente dovrebbe appartenere a Paul Pogba, uno degli acquisti più onerosi nella storia del Manchester United. L’ex Juventus, soprattutto a causa dei tanti infortuni subiti nel corso di queste stagioni, non è infatti riuscito quasi mai a replicare quanto fatto vedere in Serie A, e quest’anno è riuscito a raccogliere soltanto sette presenze fornendo due assist ai suoi compagni di squadra ma non trovando mai la via della rete.

Calciomercato, il McManaman-pensiero: “Haaland non deve commettere l’errore di Jovic! Il futuro di Pogba e Mbappé”

A commentare il rapporto e la differenza tra i due giocatori è intervenuto Emmanuel Petit, ex centrocampista di ArsenalBarcellona Chelsea, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni del Mirror: “Bruno Fernandes ha avuto un impatto enorme al Manchester United. Nel giro di due mesi è diventato il miglior acquisto della sessione di mercato invernale. E’ come se giocasse con i Red Devils da sei anni. Ha cambiato la mentalità all’interno dello spogliatoio, è difficile per un giocatore che arriva a stagione in corso. Ha fatto quello che non è riuscito a fare Pogba, diventare un leader in campo. Non vedo l’ora di vederli insieme in campo, voglio vedere se insieme funzionano anche se sono certo che sarà così“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy