Juventus, ricordi Oliver? Guardiola furioso con l’arbitro dopo Liverpool-Manchester City. Il motivo…

Juventus, ricordi Oliver? Guardiola furioso con l’arbitro dopo Liverpool-Manchester City. Il motivo…

Il Manchester City ha presentato un reclamo formale in relazione alla direzione arbitrale di Micheal Oliver per i presunti errori commessi di durante la sfida contro il Liverpool…

E’ sempre “colpa” di Michael Oliver.

I tifosi della Juventus sicuramente non dimenticheranno mai il nome dell’arbitro inglese, che l’anno scorso vanificò la straordinaria rimonta dei bianconeri al Santiago Bernabeu: gli uomini di Massimiliano Allegri erano riusciti a segnare le tre reti necessarie per mandare la sfida ai supplementari, ma in pieno recupero Oliver assegnò un dubbio rigore ai padroni di casa per un fallo di Benatia su Lucas Vázquez, trasformato poi da Cristiano Ronaldo. La scelta del direttore di gara fu al centro di polemiche molto accese sul terreno di gioco, innescando una coda velenosa di recriminazioni, sfoghi e moti di dissenso sul piano mediatico. Il più penalizzato fu senza dubbio Buffon espulso dal campo e protagonista di quella dichiarazione post partita diventata poi celebre.

Real Madrid-Juventus, l’uscita a valanga di Buffon: “Arbitro cinico e incapace, immondizia al posto del cuore”

Michael Oliver nei giorni successi alla gara aveva vissuto giorni decisamente folli, suo malgrado al centro dell’universo calcistico internazionale, tra tifosi bianconeri che lo riempivano di insulti e tifosi delle altre squadre italiane che lo ringraziavano per aver contribuito all’eliminazione della Juventus dalla Champions League.

Champions League, Real Madrid-Juventus: furia dei tifosi bianconeri sull’account Twitter di Michael Oliver, ma è quello sbagliato…

A poco più di un anno di distanza Oliver è ritornato nell’occhio del ciclone a causa del suo arbitraggio del big match tra il Liverpool e il Manchester City, fondamentale per la lotta al titolo in Premier League: i Reds hanno trionfato 3 a 1 mantenendo il primo posto in classifica e ampliando  a nove punti il distacco dai Citizens.

Secondo quanto riportato dal Dailymail, il City non avrebbe digerito le scelte arbitrali di Oliver e del VAR, e avrebbero presentato un reclamo formale a Mike Riley, general manager della Professional Game Match Officials Limited (o PGMOL, la corrispondente inglese della nostrana AIA). In particolare il club di Al-Mubarak contesta i due falli di mano commessi da Trent Alexander-Arnold all’interno dell’area di rigore dei Reds: nella fattispecie il primo, visto che sul ribaltamento di fronte Fabinho ha trovato la rete dell’1 a 0 con un missile dalla distanza. La polemica è iniziata subito dopo la fine del match, quando Pep Guardiola è andato a stringere la mano ad Oliver manifestando il suo dissenso con un ironico e polemico: “Grazie, grazie mille“.

Il giorno successivo alla partita il City avrebbe inviato una lettera a Mike Riley, che avrebbe risposto in modo “costruttivo” al reclamo in vista di una riunione degli azionisti di tutti i 20 club della Premier League che si terrà tra pochi giorni e in cui fornirà ulteriori dettagli e aggiornamenti sull’introduzione e attuazione del VAR. Difficile comunque che verranno apportati cambiamenti radicali, a meno che tutti i club non si ribelleranno contro l’utilizzo della tecnologia. L’intenzione di Riley è quella di far comprendere come l’introduzione del VAR sia stato un successo fino a questo momento della stagione, visto che soltanto una volta su 10 è stata presa una decisione errata in seguito al consulto tra l’arbitro e la tecnologia in campo: addirittura il doppio rispetto alla media della scorsa stagione.

Dopo essere arrivata addirittura nel ritiro dell’Inghilterra, la battaglia tra il Manchester City e il Liverpool ha raggiunto dunque anche gli organi amministrativi del calcio inglese: la discussione relativa ai vantaggio del VAR, ancora viva anche in Italia, sembra in procinto di investire la Premier League come un vero e proprio ciclone.

VIDEO Inghilterra, Southgate sul caso Sterling-Gomez: “Esclusione giusta, ecco perché…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy