PSG, Neymar sorprende tutti: “Alla fine della carriera mi darò al poker”

Le dichiarazioni dell’asso brasiliano

Champions League

Quando terminerò la mia carriera sul campo mi dedicherò al poker.

PSG, Al-Khelaifi: “In Champions League abbiamo un obiettivo. Futuro Neymar e Mbappé? Rispondo così”

Rivelazione curiosa e che ha lasciato spazio a non pochi commenti quella fatta da Neymar. Il fuoriclasse brasiliano del PSG è stato uno dei protagonisti assoluti degli ultimi successi europei dei transalpini, collezionando reti decisive, assist spettacolari e prestazioni estremamente sopra la media. Una delle stelle più lucenti del panorama calcistico internazionale, come anche dimostrato dallo stesso sudamericano in occasione dell’ultimo successo contro il Bayern Monaco che ha consentito ai parigini di accedere alla semifinale di Champions League.

neymar

Champions League, Sconcerti sentenzia: “PSG, Bayern e City? Il top del calcio. Gap incolmabile con le big di Serie A”

In un’intervista esclusiva rilasciata ai microfoni di CNews, il talentuoso classe ’92 ha rivelato il suo desiderio più grande per la fine della carriera sul campo. Dal rettangolo verde al tavolo da poker, questa la rivelazione di Neymar, che svela di avere un vero e proprio talento nel gioco d’azzardo più famoso del mondo.

PSG-Bayern Monaco, Neymar: “Grande partita. Rinnovo? Ecco la verità”. E sull’esultanza sfrenata..

Di seguito le sue dichiarazioni:  “Voglio diventare un giocatore di poker professionista quando finirò la mia carriera calcistica, è una delle cose che amo di più fare. Mi fa sentire molto a mio agio e spero che quando smetterò potrò prendere parte ai tornei a cui ho sempre voluto partecipare. Ho iniziato a giocare a poker durante la Coppa del Mondo 2014. Durante la competizione giocavano molti calciatori e così ho finito per imparare le regole. A Barcellona giocavo sempre con Piqué, al PSG spesso ci incontriamo con Navas e Paredes per qualche partita. È anche un modo per unire il gruppo, per trascorrere più tempo insieme. Quando sono a un tavolo voglio sempre vincere. Preferisco giocare dal vivo, non c’è niente di simile. Non so se sia peggio tirare un calcio di rigore in una finale o bluffare una mano con un piatto molto grande. Il poker mi ha permesso di incontrare molti amici che ho ancora oggi. Il mio sogno sarebbe vincere un torneo molto importante, battendo i miei amici Akkari e Rafa Moraes al tavolo finale”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy