Marsiglia-Lione, la sfida infinita: comunicati al veleno tra i due club, VAR e violenza al Vélodrome

Continua il caos a margine del big match disputato in Ligue 1: Marsiglia e Lione protagoniste di una coda mediatica al veleno…

Marsiglia-Lione 

La Ligue 1 nel caos.

Nel corso della tredicesima giornata della massima serie francese, numerosi disordini hanno sconvolto la città di Marsiglia. La squadra di casa, l’Olympique Marsiglia, ha affrontato il Lione, ma ad attirare l’attenzione non è stato il risultato della gara, bensì il subbuglio e le intemperanze di alcuni facinorosi nel pre-gara. I tifosi di casa, infatti, hanno assalito con delle pietre il pullman della squadra di Rudi Garcia nel tragitto verso lo stadio Velodrome. Un agguato annunciato, dato che nei giorni precedenti i supporters dell’OM avevano minacciato attraverso i social gli avversari. Vetri rotti e altri danni al mezzo di trasporto, ma per fortuna nessun ferito. “Ci siamo imbattuti in un’imboscata” — ha raccontato il patron dei Gones Jean-Michel Aulas, che si trovava anch’egli sul pullman — “I tifosi del Marsiglia hanno rotto due finiestrini con dei sassi”. Il presidente dei rossazzurri, dopo avere definito il clima rivoluzionario e ad alto rischio, avrebbe affermato di essere contrario a mandare in campo la sua squadra a seguito dei gravi atti intimidatori e dei problemi di ordine pubblico. Eppure, la gara si è giocata e il Lione ha incassato l’ennesima sconfitta, che pregiudica ulteriormente l’andamento di una stagione fin qui disastrosa: la doppietta di Dimitri Payet ha vanificato la rete di Moussa Dembélé e regalato alla sua squadra di casa il secondo posto in classifica, con i rivali di sempre che adesso sono  addirittura quattordicesimi in graduatoria.

Nella scheda successiva il comunicato ufficiale del Marsiglia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy