Palermo Calcio, c’è l’ok della Procura: via libera alla Figc per interrogare Zamparini

Palermo Calcio, c’è l’ok della Procura: via libera alla Figc per interrogare Zamparini

Il gip Scaduto ha dato il via libera all’interrogatorio dell’ex patron rosanero, Maurizio Zamparini, attualmente agli arresti domiciliari: i verbali dell’audizione ad Aiello del Friuli saranno acquisiti dai magistrati palermitani

La procura federale potrà infine ascoltare Maurizio Zamparini.

Secondo quanto riportato stamane da Repubblica – Palermo, infatti, il giudice per le indagini preliminari Gioacchino Scaduto avrebbe concesso l’autorizzazione all’interrogatorio da parte degli uomini della giustizia sportiva all’imprenditore friulano ed ex patron del club siciliano, che attualmente si trova agli arresti domiciliari nella sua villa di Aiello del Friuli:

Gli 007 della Figc lo sentiranno nell’ambito delle indagini che hanno portato la procura federale ad aprire un fascicolo nei confronti del Palermo per false comunicazioni sociali alla Commissione di vigilanza sulle società di calcio. In questo ambito, nei giorni scorsi, il capo della procura federale Giuseppe Pecoraro era andato a trovare i magistrati della procura della Repubblica di Palermo che stanno per chiudere l’indagine sugli ultimi anni di gestione della società di viale del Fante sotto la proprietà Zamparini“.

Approfondisci qui: (Palermo Calcio, interviene la Figc: contatto con la Procura, chiesto ai pm di interrogare Zamparini)

Il gip Scaduto avrebbe inoltre vincolato l’autorizzazione all’acquisizione del verbale che così potrà essere utilizzato anche in sede penale. La procura vorrebbe analizzare il resoconto dell’interrogatorio per verificarne in tal modo la presenza di elementi che possano risultare utili all’impianto accusatorio nei confronti dell’ex patron del Palermo Calcio e degli altri indagati nella vicenda. La trasmissione del verbale alla Procura dovrebbe essere l’ultimo atto prima della notifica dell’avviso di conclusione delle indagini che precederà infine la richiesta del rinvio a giudizio per falso in bilancio e false comunicazioni sociali agli organi di vigilanza.

Potrebbe interessarti anche: (Cessione Palermo: 50 giorni per vendere il club, poi arriverà la Covisoc. Intanto York Capital…)

Se l’aspetto penale della vicenda parrebbe ormai essere giunto alle proprie fasi conclusive, la parte che riguarda la nuova istanza di fallimento potrebbe invece rimanere congelata fino alla fine del campionato cadetto in corso, attendendo di comprendere se la formazione allenata da mister Roberto Stellone centrerà o meno la promozione in Serie A. Raggiungere la massima competizione italiana porterebbe infatti degli introiti finanziari di certo importanti, ovvero circa 40 milioni di euro di diritti televisivi, che potrebbero anche bastare per raddrizzare l’attuale situazione societaria:

Ma il timore degli inquirenti, però, è che le condotte contestate agli indagati possano essere reiterate, motivo per cui sia la procura che il gip starebbero valutando la possibilità di chiedere l’amministrazione straordinaria del club a promozione acquisita. Un escamotage che servirebbe a favorire il rilascio della licenza per l’iscrizione al prossimo campionato, garantire la continuità aziendale e rendere appetibile il club per un nuovo proprietario“.

Clicca qui per saperne di più: (Cessione Sampdoria, York Capital vicina alla svolta: la telefonata tra Vialli e Ferrero…)

Tutte possibilità che, però, potrebbero anche non concretizzarsi nel futuro prossimo poiché, nel frattempo, potrebbe prender forma qualche buona nuova come la cessione della società rosanero, alla quale sono obbligati a lavorare costantemente sia il presidente Rino Foschi che l’amministratrice delegata e proprietaria delle azioni del club siciliano Daniela De Angeli, per garantire un futuro sereno al Palermo Calcio.

Sempre secondo quanto riferito dal noto quotidiano nazionale all’interno della propria edizione odierna, sullo sfondo vi sarebbero sempre gli stessi protagonisti ormai ben noti: “York Capital interessata più ad altre squadre che al Palermo; Massimo Ferrero che non perde occasione per dire che i rosanero gli piacciono, ma che non ha intenzione di comprarli; il presidente del Genoa Enrico Preziosi che pensa più ai rossoblu che alle questioni palermitane e il gruppo Follieri che lascia intendere sempre di essere pronto al passo decisivo se da parte del Palermo ci fosse la volontà di prenderli sul serio come interlocutori“.

Approfondisci qui: (Sampdoria, Ferrero: “York Capital? Ecco la verità. Adoro Palermo, ma ora non posso comprare il club. Un domani…”)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy