Palermo, Giammarva passa al contrattacco: “La Covisoc non trovò alcuna irregolarità”. I dissidi con la De Angeli…

Palermo, Giammarva passa al contrattacco: “La Covisoc non trovò alcuna irregolarità”. I dissidi con la De Angeli…

“Il pagamento della parte finale del credito entro il 30 giugno confermerà che tale credito è vero e che tutte le poste in bilancio sono sempre state vere e reali”

E la Covisoc che ci stava a fare?“.

Apre così l’edizione odierna de Il Giornale di Sicilia, parlando della difesa dell’ex presidente rosanero Giovanni Giammarva. Il commercialista palermitano passa al contrattacco, difendendosi dalle accuse di aver ostacolato i controlli della Covisoc, Commissione di vigilanza sulla società calcistiche professionistiche. “Difeso dall’avvocato Antonio Gattuso, Giammarva cita l’audizione, da parte della Guardia di Finanza, di Giuseppe Casamassima, funzionario dell’organismo tecnico della Federcalcio: l’istruttoria compiuta sul Palermo – disse il teste – «si è conclusa con esito favorevole per gli anni passati e quello in corso (2017), in quanto la società ha assolto a tutti gli adempimenti previsti dalla normativa vigente»“, si legge sul quotidiano.

Palermo in Serie C, i legali del club: “Pena abnorme”. Giovedì il secondo round

La Covisoc era a perfetta conoscenza dell’operazione Mepal-Alyssa e tra l’altro in passato aveva valutato “«con una certa indulgenza i bilanci di alcune società professionistiche che hanno fatto ricorso alla pratica di cedere il marchio a società consorelle, accordando di fatto delle ricapitalizzazioni parziali»”.

Palermo, il comunicato del club sul rigetto della richiesta sospensiva: “Nessun commento, tuteleremo nostri interessi”

Poi anche i dissidi con la dirigente amministrativa Daniela De Angeli, la quale non avrebbe approvato la richiesta di Giammarva di voler effettuare dei controlli a cadenza mensile. “La Procura federale aveva riconosciuto che le indagini erano state in qualche modo «salutari», avendo «costretto lo Zamparini a “mettere mano al portafoglio”». E questo è un merito che l’ex presidente attribuisce anche a se stesso e al lavoro di pungolo svolto nei confronti dell’azionista di maggioranza del club“.

Palermo in Serie C, dura protesta dei tifosi: per la città striscioni contro Lotito, Zamparini e la Lega B

La memoria difensiva dell’ex presidente del Palermo si conclude spiegando che “«il Cda presieduto da Giammarva ha prudentemente costituito un adeguato fondo rischi per l’ipotesi di eventuale inadempimento… il pagamento della parte finale del credito entro il 30 giugno confermerà che tale credito è vero e che tutte le poste in bilancio sono sempre state vere e reali»“.

Palermo, intrigo Alyssa-Mepal secondo la Procura: il conto di Greta Zamparini e la chiamata con Baiguera…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy