Zamparini-Mediagol: “Nuovo presidente? Non una scelta ma una necessità. Ritorno Giammarva…”

Zamparini-Mediagol: “Nuovo presidente? Non una scelta ma una necessità. Ritorno Giammarva…”

Le dichiarazioni del patron rosanero, Maurizio Zamparini, rilasciate in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it relativamente alla nomina di Daniela De Angeli come nuovo presidente del Palermo

Parla Maurizio Zamparini.

(PALERMO: DANIELA DE ANGELI NUOVO PRESIDENTE DEL CLUB ROSANERO)

Il patron del club rosanero, intervenuto in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it in seguito alla notizia diffusasi pochi minuti fa, riguardante la nomina del nuovo presidente del Palermo nella persona di Daniela De Angeli (storica collaboratrice del numero uno della società siciliana), ha commentato quella che ha definito non “una scelta” da parte della società rosanero, ma “una necessità provvisoria di gestione” viste e considerate le dimissioni dell’ormai ex presidente Giovanni Giammarva. Di seguito le dichiarazioni dell’imprenditore friulano.

Nomina del nuovo presidente? Non è stata una scelta ma una necessità provvisoria di gestione date le dimissioni Giammarva. E’ una posizione che verrà modificata o con l’arrivo del compratore o con chiarimento dei dissidi e ritorno di Giammarva“.

(Maurizio Zamparini: “Giammarva? Spero rientri, è una situazione sanabile. C’è solo un problema…”)

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. PinkPrince - 12 mesi fa

    Per Spargi49 Nella Juve, nella Lazio e nel Milan non ho visto molta gente che si è dimessa perché in disaccordo con la proprietà. Quante persone si sono dimesse a Palermo? Quanti allenatori sono stati delegittimati dagli interventi della proprietà? E’ giusto che la proprietà intervenga per salvaguardare il proprio investimento, però se deleghi devi dare anche la possibilità di lavorare in pace, altrimenti l’allenatore, il ds, il presidente te lo fai direttamente tu.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. PinkPrince - 12 mesi fa

    Xspargi49. Secondo me in tutte le società, non solo calcistiche, chi comanda detta i principi comportamentali e strategici della società, ma chi riceve i comandi poi dovrebbe farli propri comportandosi secondo le proprie capacità. Giammarva è stato nominato PRESIDENTE del Palermo. ma poi ha dovuto subire le scelte e i “consigli” da altra gente, in primo luogo dalla presidente attuale, braccio destro fidato di Zamparini. E parlo del presidente…Quanti allenatori, quanti direttori sportivi, quanti dirigenti si sono dimessi in questi quattordici anni perché non avevano l’autonomia necessaria per lavorare, assumendosi pesanti responsabilità, ma subendo pressioni altrettanto pesanti? A te piacerebbe essere nominato a dirigere qualcosa dicendoti non solo quello che devi fare, ma COME farlo? Spero di essere stato chiaro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. spargi49 - 12 mesi fa

    x pink prince,quali sono le società calcistiche e non, dove non comandi il capo ,forse che gli Agnelli,Lotito,Berlusconi etc etc si fanno condizionare dai consiglieri delegati o figure di comodo create da loro?chi mette i soldi non vuole che altri decidano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sbt5 - 12 mesi fa

      le società strutturate e serie dove non c’è il Duce e padre padrone che fa e disfa tutte le mattine; le società che si affidano a professionisti seri; le società dove non esiste uno che xcha l’allenatore , il Ds, il contabile, il Presidente, il magazziniere, il Consigliere delegato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PinkPrince - 12 mesi fa

    E’ la storia del Palermo nell’era Zamparini: quando qualcuno prova a pensare con la propria testa non può continuare a lavorare. Deve andarsene, non c’è alternativa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy