Cessione Palermo, parla Zamparini: “Entro 10 giorni un preliminare, per il vero closing…”

Cessione Palermo, parla Zamparini: “Entro 10 giorni un preliminare, per il vero closing…”

L’annuncio del patron del Palermo, Maurizio Zamparini, in merito alle ultime novità relative alla cessione del club rosanero

L’annuncio di Maurizio Zamparini.

Il patron del Palermo, intervistato ai microfoni del ‘Giornale di Sicilia’, ha confermato che la trattativa relativa alla cessione del Palermo Calcio ad un’importante e quotata cordata venuta fuori negli ultimi giorni, dopo i tentativi apparentemente falliti di Raffaello Follieri, Antonio Ponte e del mai palesatosi gruppo americano, sia effettivamente in uno stato avanzato, ma dovrà rispettare in ogni caso una precisa scadenza già fissata dall’imprenditore friulano.

Si tratta del 10 novembre, ovvero la data in cui l’assemblea dei soci sarà chiamata ad approvare il bilancio del club siciliano una volta preso atto dei pareri della società di revisione Baker Tilly Revisa e del collegio dei sindaci.

Prima di quella specifica data si potrà solo giungere ad un’intesa di massima comune; mentre per trovare un accordo definitivo sarà ancora necessario aspettare.

Di seguito, le parole del numero uno di viale del Fante, che si è soffermato anche sulla mancata nomina di Antonio Ponte come presidente del Palermo.

Questa settimana o al massimo tra dieci giorni dovremmo fare un preliminare, ma penso che il closing vero possa arrivare solo dopo l’approvazione del bilancio. Un consiglio di amministrazione nuovo non può certo approvare i conti della vecchia gestioneNon so se verrà nominato un presidente in quell’occasione o dopo. Ponte poteva essere uno dei candidati, ma dipende dai nuovi acquirenti. Loro cercano un nuovo presidente, vedremo…“, ha dichiarato Zamparini.

(Cessione Palermo, Zamparini pronto a vendere in settimana: non si tratta di Ponte o Follieri ma…)

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. france - 10 mesi fa

    ahahahahahaha , perchè non lo regala! Tanto i bei soldini non importano a nessuno,ahahahahahaha perchè non fa come gli altri che non ci guadagnano e pensano solo ai tifosi. ahahahahahaha tanto i soldi degli altri sono bruscolini, Io che compro il biglietto a 9 euro sono pure socio e padrone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giofalcon - 10 mesi fa

    Ormai i tifosi palermitani non credono più a facili e rituali proclami e questo la dice lunga sulla credibilità che i tifosi nutrono in questa gestione, che speriamo in tantissimi finisca presto.
    Zamparini da tempo ormai é squalificato agli occhi dei palermitani e solo un suo TOTALE abbandono potrà fare tornare il pubblico della grandi occasioni allo stadio.
    Personalmente aspetto passi concreti, di parole buttate al vento ne sono stufo….
    Forza PALERMO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. nick - 10 mesi fa

    ahahahahahaha, c’era da aspettarselo che il fantomatico gruppo straniero sarebbe alla fine stato il più affidabile tanto nessuno sa chi è e non può smentire.
    ora sta ennesima trattativa quanto durerà ???magari il tempo di capire se può andare in A che ci sono i bei soldini?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Vicé - 10 mesi fa

    proprio non conosce la vergogna,manco ha finito con follieri e già ne ha pronta un’altra..vedremo ..penso…ovviamente senza fare il nome dei possibili acquirenti che dovrebbe spiegarci come fanno senza avere manco il preliminare e conoscere il bilancio del palermo a cercare già il presidente.continua a tirare fuori trattative per far passare il tempo, da quando ponte ha detto che senza accordo di vendita non diventava presidente lo ha posato.
    in tutto ciò vorrei capire come i giornalisti continuano a parlare di vendite con tanto di accordi vincolanti quando non c’è niente, ma sembra siamo entrati in una barzelletta dove lui le spara sempre più grosse e non si attende altro per fare notizia .
    se non lo intervistassero più sparagnassimu abbili tanto tutti hanno capito che non vende.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy