Venezia, Tacopina: “Palermo? La prima di undici battaglie, ai tifosi chiedo una cosa. Vogliamo la Serie A”

Venezia, Tacopina: “Palermo? La prima di undici battaglie, ai tifosi chiedo una cosa. Vogliamo la Serie A”

Le parole del presidente del Venezia dopo la scelta di esonerare Walter Zenga e di chiamare in causa Serse Cosmi: lunedì la sfida contro il Palermo

Nella giornata di ieri l’ufficialità: Serse Cosmi è il nuovo allenatore del Venezia.

Il tecnico originario di Ponte San Giovanni, che ha preso il posto in panchina di Walter Zenga, è stato presentato questa mattina alla stampa e dirigerà nel pomeriggio il suo primo allenamento in vista della sfida contro il Palermo, in programma lunedì sera allo Stadio “Pier Luigi Penzo”. Chi ha dato il benvenuto attraverso un comunicato al coach che guiderà la compagine lagunare in occasione delle prossime partite è stato il presidente Joe Tacopina.

“Oggi più che mai avrei voluto essere li con voi ma un piccolo intervento programmato da tempo non mi consente di essere a Venezia. Voglio innanzitutto ringraziare Walter Zenga e il suo staff per quello che ha fatto per il nostro club in questi 5 mesi. Per la serietà, l’attaccamento e la professionalità dimostrata. È però evidente che da un paio di mesi qualcosa non girava più come prima. Per la seconda volta nel corso di questa stagione, quindi mi sono trovato a prendere una decisione difficile. Amo questa città e questo club, chi mi conosce lo sa, ed è proprio per questo amore profondo e viscerale che provo che non posso permettermi di lasciare nulla di intentato. Dopo una lunga e attenta riflessione nella notte di lunedì ho maturato la convinzione che tutto l’ambiente necessitava dell’ennesima scossa per ritrovare quella convinzione e brillantezza che oggi sembrano persi. Ieri mattina ne ho parlato con i miei manager e poi ho contattato Serse Cosmi che ha accettato con il grande entusiasmo che lo contraddistingue, questa nuova sfida. Non conoscevo personalmente Serse, rimedierò presto, ci ho parlato al telefono e fin da subito ho capito che si tratta di una persona vera. Il suo curriculum parla da sé, è un uomo che non mollare mai, un professionista carismatico che accettando di venire a Venezia si è messo nuovamente in gioco scegliendo di lottare assieme a noi. Perchè questo dovremo fare, tutti insieme, uniti fino all’ultima giornata di campionato. Quindi benvenuto nella famiglia del Venezia FC a mister Cosmi e ai suoi collaboratori e buon lavoro”, sono state le sue parole.

“Permettetemi anche di fare chiarezza sugli obiettivi del club perché in questo ultimo periodo leggo cose che non mi piacciono. Il nostro obiettivo non è mai cambiato: Vogliamo la Serie A, vogliamo tornare nel calcio che conta e rimanerci a lungo giocando nel nostro nuovo stadio che sorgerà a Tessera. In questi anni, sapendo perfettamente quello che stavamo facendo, abbiamo scelto di investire molto e questo investimento ci ha permesso di conquistare la serie B in 2 stagioni. Un modello di business moderno però non può permettersi di perdere milioni ogni anno. Perché questo è il motivo per cui ogni anno in Italia spariscono club gloriosi. Il nostro modello di business prevede di continuare ad investire, ma di farlo in maniera intelligente e su più fronti: non solo sulla rosa ma anche sulle strutture, sugli impianti, sul settore giovanile, sui progetti internazionali, sul nostro brand che deve diventare ogni giorno più forte e globale. E attenzione questo non vuol dire che non siamo ambiziosi, che stiamo disinvestendo o che abbiamo cambiato progetto. Questo vuol dire fare le cose in maniera sensata. Vuol dire trattare il club come un’azienda e non come un hobby o un giocattolo personale. Questo vuol dire garantire un futuro al Venezia FC, perché questo club come ho detto il primo giorno in occasione della mia presentazione, appartiene alla città di Venezia e ai suoi tifosi, io ne sono solo un custode temporaneo. Oggi attraversiamo un momento difficile, la situazione però non è compromessa. Sono sicuro che mister Cosmi farà ritrovare questo gruppo e che sarà capace di tirar fuori il meglio da ogni giocatore”, ha proseguito.

“Infine mi rivolgo ai tutti i nostri tifosi, non solo a quelli che ogni domenica sono allo stadio: oggi più che mai il club ha bisogno di voi. So che il Penzo è scomodo, che non ha le coperture, che il calendario non aiuta, ma dovete sostenerci, dovete fare la vostra parte, oggi dovete spingere con tutte le vostre forze nella nostra stessa direzione. Insieme ne usciremo e saremo più forti di prima. Lunedì sera mi auguro di vedere un Penzo arancioneroverde, di sentire cantare e sostenere i ragazzi fino al novantesimo e oltre. Contro il Palermo ci aspetta la prima di undici battaglie”, ha concluso Tacopina.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy