Torino, Cairo: “Le contestazioni? Un ricordo. Abbiamo cambiato politica”

Il presidente del Toro parla delle contestazioni ricevute negli anni passati.

“Belotti è un ragazzo umile, che ha voglia di far bene e ha grande voglia di imparare e migliorarsi. E’ importante essere non solo tecnicamente bravi, ma unire tutto questo a dei valori morali, che lui ha. Penso che lui si trovi benissimo con noi e i tifosi nutrono un grande affetto per lui. La clausola da 100 milioni che abbiamo inserito nel suo contratto vale solo per l’estero e si può esercitare solo nel caso lui lo desideri”. 

Così il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha parlato della situazione legata al futuro di Andrea Belotti. Successivamente, il patron granata si è soffermato anche sulle vecchie contestazioni, ricevute negli anni passati.
“Ho voglia di investire per correggere quello che è migliorabile e rinsaldare la squadra per creare un bel Toro. La piazza mi contestava qualche anno fa perchè avevamo ottenuto meno di quanto i tifosi si aspettavano. Ma non ho mai mollato perchè gli errori che avevo commesso li avevo fatti in buona fede. Successivamente abbiamo cambiato la nostra politica, iniziando a puntare sui giovani. Stiamo togliendoci delle belle soddisfazioni”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy