Milan-Torino, Giampaolo: “Le assenze non sono rilevanti, i rossoneri hanno dimostrato una cosa”

Le parole del tecnico granata intervenuto in conferenza stampa

torino

Il Torino si proietta alla sfida di sabato sera in casa del Milan.

Milan-Torino, Pioli: “Ibrahimovic out, tutto sul nostro calciomercato. Rinnovo Calhanoglu? Le cose stanno così”

I granata dovranno vedersela contro i rossoneri feriti nell’animo dopo aver perso la prima gara dopo 27 turni di imbattibilità. La condizione fisica degli uomini di Stefano Pioli non è però delle migliori, infatti nel match contro i piemontesi agli assenti già sicuri potrebbe aggiungersi anche Hakan Calhanoglu. In vista della gara di “San Siro” il tecnico del Torino, Marco Giampaolo, ai microfoni di Torino Channel, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni.

Nantes, l’autogol di Raymond Domenech: “Vorrei qui Maradona, ma è morto”

Giampaolo

“Era normale affrontare prima o poi chi sta in vetta, ora è il Milan ma non mi preoccupa. Però mi disturba il calendario, il Toro è l’unica squadra ad affrontare impegni così ravvicinati, 5 partite in 13 giorni. Tutte le altre hanno in media un giorno in più per recuperare: non è il Milan che mi disturba, sono gli impegni ravvicinati. Anche con le assenze, hanno dimostrato di essere una squadra forte. Quando raggiungi un filotto così lungo di partite utili vuol dire che hai creato consapevolezza e autostima. Sono andati avanti senza tanti titolari, anche nell’ultima gara hanno fatto bene. Le assenze fanno parte dei momenti della stagione. Belotti? Insieme a Rincon, è quello con il più alto minutaggio. Quando dico che mi preoccupano gli impegni ravvicinati, mi riferisco a questo: sento dire che Belotti non si può sostituire, ma è una bugia. Non bisogna perdere i giocatori per mancanza di lucidità e di prestazione fisica. Dovrò necessariamente in questo ciclo di 5 partite capire come stanno i ragazzi”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy