Serie C, l’Associazione Codici contro i disservizi di Eleven Sports: “Risarciscano i consumatori”

La nota dell’associazione Codici dopo i problemi tecnici riscontrati della piattaforma Eleven Sports in occasione della quarta giornata di Serie C

Eleven Sports

Pomeriggio da dimenticare per gli utenti di Eleven Sports.

La piattaforma streaming che ha acquistato i diritti della partite del campionato di Serie C, in queste prime settimane ha mostrato svariati problemi tecnici. Anche nella giornata di ieri, infatti, gli abbonati di Eleven Sports hanno dovuto fare i conti con alcuni disservizi che hanno impedito la corretta visione delle gare con ripetute interruzioni del servizio. In merito a queste problematiche, l’associazione Codici, è intervenuta in difesa degli utenti che nell’ultimo turno non hanno potuto usufruire del servizio di Eleven Sports a causa di un nuovo malfunzionamento della piattaforma.

“Non è la prima volta che accade – dichiara Stefano Gallotta, avvocato dell’associazione Codici – anche nella prima giornata del campionato di Serie C c’era stato un blackout. Apprezziamo le scuse della Lega Pro, ma riteniamo che Eleven Sports debba risarcire gli abbonati, soprattutto in un momento come questo in cui, a causa delle restrizioni per l’emergenza Covid19, lo streaming è l’unica alternativa agli stadi. Lo stesso discorso vale per gli appassionati di pallavolo, che, sempre a causa di problemi tecnici, non hanno potuto seguire nella loro interezza le cinque partite in programma della Superlega”.

“È un periodo poco felice per il calcio in tv e in streaming – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – prima la sentenza del Tar che ha confermato la multa dell’Antitrust a Sky per il Pacchetto Calcio, ora i blackout di Eleven Sports, che non risparmiano nemmeno la pallavolo. Saremo al fianco dei consumatori anche in questa vicenda. Non basta qualche sconto, devono essere rimborsati in maniera seria ed è quello che chiederemo”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy