Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

le dichirazioni

Ghirelli: “Serie C? Funzione sociale e formazione talenti. Presidenti degli eroi”

Ghirelli: “Serie C? Funzione sociale e formazione talenti. Presidenti degli eroi”

Le parole di Francesco Ghirelli: "Abbiamo garantito almeno momenti di pausa rispetto a quella pressione terribile che c’è stata in quei mesi"

Mediagol (gm) ⚽️

A poche settimana dalla conclusione del girone di andata di Serie C e con il 2022 ormai alle porte, il numero uno della Lega Pro, Francesco Ghirelli, ha tracciato un bilancio dell'anno che sta per concludersi durante un'intervista rilasciata ai microfoni de "LaCasadiC".

"I nostri club hanno svolto una funzione sociale. Lì c’è stata un’altra funzione sociale perché almeno due ore abbiamo garantito a chi ci ha seguito attraverso la televisione, la radio il web o nei racconti un pò di serenità. Non intera perché il dolore era tanto però abbiamo garantito almeno dei momenti di pausa rispetto a quella pressione terribile che c’è stata in quei mesi". 

"Nello stesso tempo - ha proseguito Ghirelli - è stato anche un modo per mettere alla prova le nostre società che hanno retto, e io garantisco che non pensavo reggessero in quel modo perché si congiungeva per la prima volta il fatto che il proprietario di una squadra di calcio era anche proprietario di un’azienda che a sua volta era in grande crisi. E invece ce l’abbiamo fatta. Merito ai presidenti che sono stati degli “eroi” anche se io vorrei delle persone normali nella vita perché gli eroi fanno parte dei momenti drammatici della vita". 

"Oserei dire che questo è un exploit del calcio italiano - ammette Ghirelli - quando noi diciamo che vogliamo essere la formazione dei talenti, questa è la dimostrazione. Allenatori, calciatori e se andiamo a vedere club di Serie A dirigenti, così come medici. Noi abbiamo questa funzione, ma mentre si dice che noi vogliamo essere la formazione dei talenti, ho cercato di spiegare e di far capire che funziona tutto come la scuola: la formazione è una parte che facciamo noi, di arbitri, assistenti. Quando avvengono i nomi citati, voglio dire che questa è la nostra funzione che ci dev’essere riconosciuta. Ci dev’essere riconosciuta non tanto dal punto di vista della contrattazione salariale o rivendicativa economica. Ci dev’essere riconosciuta perché serve al calcio italiano".

tutte le notizie di