Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

serie c

F. Andria, Ginestra: “Scontro diretto, importante l’approccio. Migliorare in difesa”

F. Andria, Ginestra: “Scontro diretto, importante l’approccio. Migliorare in difesa”

Le parole del tecnico della formazione pugliese alla vigilia della sfida contro il Campobasso che ha le sembianze di una sfida chiave per capire le reali possibilità di salvarsi della Fidelis Andria

Mediagol (rdf) ⚽️

La Fidelis Andria ha vissuto una prima parte di stagione travagliata, con la posizione in classifica che al momento appare preoccupante. Per uscire dalle difficoltà e allontanarsi dalle zone più pericolose della classifica urge ritrovare serenità e tornare a giocare un calcio pulito e ordinato che possa permettere agli uomini allenati da Ciro Ginestra di uscire da una situazione che al momento appare disperato.

Per lanciare un segnale importante e provare a invertire il trend la compagine pugliese dovrà sfidare nel prossimo match il Campobasso, in quello che si preannuncia uno scontro diretto che entrambe le squadre dovranno provare in tutti i modi a portare a casa. Proprio il tecnico della Fidelis AndriaCiro Ginestra ha parlato nella giornata odierna in conferenza stampa presentando la fondamentale sfida che attende i pugliesi nel prossimo turno.

"Abbiamo uno scontro diretto su un campo difficile contro una squadra che sta facendo discretamente bene e come noi lotta nei bassifondi della classifica. Dobbiamo cercare di fare ciò che abbiamo sempre fatto sempre fatto in trasferta, una bella prestazione cercando anche il risultato. C'è l'amarezza quando si perde, ma bisogna imparare a uscire sconfitti e capire le disattenzioni. Nel primo tempo siamo stati una squadra diversa rispetto alla ripresa. Abbiamo qualche problema con Giovanni Di Noia, ha preso una botta alla scorsa gara e ha fatto il differenziato tutta la settimana, domani valuteremo il da farsi. Rispetto a qualche settimana fa ora noi creiamo tanto ma non difendiamo benissimo, per questo abbiamo bisogno di lavorare tanto. In alcune partite ho preferito giocare con i grandi perché la disattenzione può essere dietro l'angolo, ma non è detto che sarà sempre così. Dobbiamo evitare i cali di concentrazione".

 

tutte le notizie di