Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

serie c

Catanzaro, Vivarini: “Col Potenza gara più importante. Classifica? Non ci penso”

Catanzaro, Vivarini: “Col Potenza gara più importante. Classifica? Non ci penso”

Le parole del tecnico del Catanzaro, Vincenzo Vivarini, in vista del prossimo impegno contro il Potenza

Mediagol ⚽️

Il Catanzaro prosegue il suo inseguimento verso il Bari, distante ormai solo 4 punti, dopo le 6 vittorie inanellate. Complici i recenti passi falsi dei galletti, per i giallorossi, l'obiettivo primo posto si fa sempre più concreto. A fare il punto sul momento vissuto dalla squadra, proiettandosi al prossimo impegno contro il Potenza, è il tecnico della compagine calabrese Vincenzo Vivarini. 

La partita più importante è questa col Potenza. Sono tutte decisive, non bisogna sottovalutare questa squadra. Sono le gare più complicate. Stiamo cercando di attuare il turnover per risparmiare le energie. Abbiamo valutato il dispendio energetico di Taranto. Diciamo che la squadra sta bene. Troviamo un campo sintetico. Sono difficoltà che dobbiamo avere in mente, c’è un altro tipo di calcio. Sono cose che abbiamo ponderato". 

Sull’approccio alla gara: "La battaglia sarà sul fatto di dominare la partita e ci sarà da lottare come a Taranto. È complicata perché attaccano in 4 sempre e ha individualità importanti. Agisce la seconda punta e ricuce gioco. È chiaro che Cuppone sta in gran condizione e su di lui bisogna avere un occhio di riguardo".

Sul momento vissuto dal Catanzaro: "In toto la squadra sta bene, tranne Iemmello e Ronaldo. Anche a livello di fatica: non ci sono accenni di calo di forma o attenzione. È la cosa che mi fa ben sperare. Sono queste le partite che devono darci un segnale importante. Recupero Iemmello? Lo vorrei in gran forma ma sapevamo delle difficoltà che potevamo avere. Speriamo di recuperarlo al più presto. Il problema è quando non hai alternative. Voglio mettere in evidenza chi subentra. Gli attaccanti sono attenti". 

Su Bjarkason: "Sta giocando 20 minuti a partita. Ha bisogno di giocare ma ora bisogna mettere davanti le esigenze della squadra. Chi sta giocando sta facendo bene ma prima o poi toccherà a tutti. Non stiamo avendo grossi problemi e situazioni dove dover intervenire e toccare il meno possibile".

Sulla lotta per la Serie B: "La classifica non la guardo, sarebbe un errore da bambini"

tutte le notizie di