Sampdoria-Napoli, Zenga: “Ancelotti sa come imporre le sue idee. Partenopei maturi per vincere lo scudetto”

Sampdoria-Napoli, Zenga: “Ancelotti sa come imporre le sue idee. Partenopei maturi per vincere lo scudetto”

Le dichiarazioni dell’ex portiere sulla lotta scudetto: “Gli azzurri lotteranno fino all’ultimo respiro per il primo posto”

La Sampdoria si prepara alla prima partita tra le mura del “Ferraris”.

Il Napoli di Carlo Ancelotti, reduce da due vittorie consecutive contro LazioMilan, è un avversario ostico per gli uomini di Giampaolo, che hanno steccato il debutto in campionato contro l’Udinese.

Sulla gara in programma domenica 2 settembre alle ore 20:30, si è espresso Walter Zenga, intervenuto ai microfoni de ‘Il Mattino’: “Sarà una gara interessante. Il Napoli è molto competitivo e maturo per vincere lo scudetto. Carlo è il migliore nella gestione delle persone e delle emozioni. Lui ha un carattere forte e sa come imporre le sue idee. Gli azzurri, sia pure diversi rispetto ai bianconeri, lotteranno fino all’ultimo respiro per il primo posto”.

“L’Inter – ha continuato il tecnico milanese -, ha il dovere di inserirsi tra Napoli e Juventus visto il mercato che è stato fatto. E non mi piace quando si dice che rischia di essere una pressione eccessiva sentirsi l’anti-Juve perché, quando si spendono tutti quei soldi, devi avere anche giocatori che sappiano controllare e gestire quella tensione”.

Sull’arrivo di Cristiano Ronaldo in Italia: “È un bene per tutti. È un fuoriclasse, uno di quelli per cui vale la pena andare allo stadio. Alla gente piace vedere quelli che danno spettacolo e lui è uno di questi. Poi Allegri è il tecnico perfetto per trovare l’assetto giusto e Ronaldo è un fenomeno di umiltà e professionalità, e quando si incontrano giocatori del genere è impossibile che si rompa qualcosa. Io quando andai a Madrid rimasi colpito dai giudizi che tutti davano di Cristiano all’interno del Real. E con i miei occhi l’ho visto allenarsi per due ore il giorno dopo aver disputato novanta minuti in una gara ufficiale. Per i portieri di Serie A non sarà facile il pensiero di affrontare CR7, è vero, ma non credo che le loro giornate saranno mai brutte come quelle che vivevo io quando sapevo di dover giocare contro Maradona, Giordano e Careca – ha concluso l’ex portiere distintosi come uno dei migliori estremi difensori di sempre –“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy