Napoli-Spezia, Gattuso: “Sconfitta che brucia, abbiamo perso la testa. Squadra in tilt nelle difficoltà”

Le dichiarazioni del tecnico azzurro a margine del ko rimediato in casa contro lo Spezia

napoli

Colpo dello Spezia al “Maradona”.

1-2: è questo il risultato della sfida tra Napoli e Spezia, andata in scena questa sera al “Maradona” e valida per la 16^ giornata di Serie A. Un ennesimo stop per gli azzurri, già reduci da un girone di andata da dimenticare, che allontana ulteriormente i campani dalle zone alte della classifica. Risultato amaro commentato al triplice fischio dal tecnico Rino Gattuso, intervenuto ai microfoni di “DAZN” nel post-gara.

“Siamo una squadra che crea tanto. Oggi è difficile parlare della partita. Bisogna capire perché succedono queste cose. Se dopo un passaggio sbagliato perdiamo sicurezze e perdiamo a livello individuale… E’ da tempo che ci portiamo questo problema dietro perché siamo la prima squadra in Europa per tiri in porta. Siamo troppo nervosi, perdiamo la testa. Non accettiamo che possiamo prendere l’1-1 e compromettiamo le partite. Alla prima difficoltà questa squadra fa troppi errori di valutazione. Il gol è un problema perché creiamo tanto, ma non è solo sfortuna. Questa squadra deve stare sul pezzo e annusare prima il pericolo. Sotto porta serve cattiveria, per la prima volta ho visto tante palle in area senza veemenza. Forse sbaglio io che non riesco a far capire ai ragazzi con quale veemenza bisogna andare a concludere. La partita deve racchiudersi sui due errori consecutivi di Maksimovic, che si è innervosito. Potevo tirarlo fuori io, ma questo lo penso io. E’ stata una partita di grande qualità, non si discute. Quest’anno stiamo buttando delle partite incredibili e penso che un po’ di colpa ce l’ho io, ce l’ha la squadra, ce l’hanno tutti. Stiamo buttando dei punti in maniera incredibile”.

I calciatori devono accettare la sconfitta e guardare avanti. La strada è quella giusta. Oggi abbiamo fatto 28-29 tiri in porta, stiamo parlando del nulla. Ma nei momenti di difficoltà vorrei vedere una squadra più tranquilla e meno schizofrenica. Il problema è che non ci mettiamo in testa di poter prendere un gol su un episodio diventa tutto più difficile. Alla prima difficoltà la squadra pensa a tutto ciò che ha sbagliato. Tutte le partite che abbiamo perso si assomigliano tantissimo, non è un caso. Succede sempre qualcosa di strano. Ma la squadra è competitiva. Si può pareggiare, non bisogna perdere la testa. Oggi lo Spezia ha fatto la sua peggior partita, ma noi abbiamo sbagliato tre passaggi e abbiamo cominciato a giudicare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy