Fiorentina, la carica di Commisso: “Contro Sampdoria, Spezia e Udinese conterà solamente una cosa. Lo stadio..”

Le dichiarazioni del patron della Viola, Rocco Commisso

Fiorentina

La squadra sa bene che nelle prossime tre partite contro Sampdoria, Spezia e Udinese dovremo vincere

Fiorentina, Toni: “Commisso non pensa al futuro, non c’è un progetto concreto. Ribery? Vi dico la mia”

Ha esordito così il presidente del club viola, Rocco Commisso, nella lunga intervista rilasciata ai microfoni di SkySport. Sono ben sette i punti racimolati nelle ultime cinque gare disputate dalla formazione di Cesare Prandelli, ma la classifica dà ancora torto agli uomini guidati dal tecnico ex Atalanta. I tanti acquisti di esperienza, e non solo, fatti dalla dirigenza viola tra la sessione di calciomercato estiva e quella invernale fanno inevitabilmente aumentare le aspettative per una squadra che ha avuto, sin dall’inizio, grandi difficoltà ad ingranare anche con Beppe Iachini. Il presidente della Fiorentina ha voluto pertanto caricare l’ambiente prima della sua partenza per gli Stati Uniti. Di seguito, le sue dichiarazioni.

fiorentina

E’ vero che nelle ultime 5 partite, pur perdendo contro Napoli e Inter, abbiamo portato a casa 7 punti e quindi non siamo stati perfetti, ma siamo comunque andati bene. Ora non c’è tempo per pensare al futuro, spero al mio ritorno di trovarmi in una buonissima posizione di classifica per poter programmare, cosa che non è mai mancata durante la mia gestione anche quando non sono arrivati i risultati. Ai tifosi dico di stare vicini alla squadra, soprattutto quando le cose girano male“, ha sottolineato il patron.

Juventus-Inter, Conte: “Serviva concretezza, Lukaku non è al meglio. Scontro con Agnelli? Dicano la verità”

Chiosa finale di Commisso sull’argomento stadio: “Ringrazio il sindaco Nardella, che sta cercando di portare avanti il progetto dello stadio nell’area di Campo di Marte. Per quanto riguarda l’ammodernamento del Franchi ho sentito parlare di quando potrebbe iniziare ma mai di quando finirà. Non possiamo aspettare 20 anni, dobbiamo conoscere le tempistiche perchè se loro vogliono metterci i soldi e poi pagare questi debiti con i soldi della Fiorentina, noi non potremmo starci. Abbiamo un contratto con il Comune di Firenze che scade tra un anno e mezzo, dovremo capire come far giocare la Fiorentina a Campo di Marte“. Infine una battuta sulla possibilità di costruire uno stadio di proprietà a Campi Bisenzio: “Non abbiamo ancora deciso se andare avanti o meno. In Italia i politici dovrebbero facilitare chi viene da fuori a investire come me, non controllare. Spero che nessuno si arrabbi, ma questo è quello che penso”, ha concluso Rocco Commisso.

Fiorentina, Minotti: “I viola non possono competere con l’Inter. Prandelli e quelle parole…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy