Caso tamponi Lazio, parla Taccone: “Immobile, Strakosha e Leiva potevano giocare”

Le parole del socio e consulente di Futura Diagnostica relative al caso tamponi scoppiato in casa Lazio

Parola a Walter Taccone.

Continua a tenere banco la questione tamponi in casa Lazio. Dopo due settimane di dubbi e accuse, culminata con l’arrivo a Formello degli investigatori, a raccontare la sua verità ai microfoni di “Radio Punto Nuovo” è il socio e consulente scientifico di Futura Diagnostica, Walter Taccone.

“Per il nostro laboratorio, Immobile, Strakosha e Lucas Leiva sono negativi per tutti e tre i geni. E abbiamo dato questa risposta. Nella stessa seduta, la Lazio ha avuto anche qualche positività, che abbiamo segnalato immediatamente. Per nostra immagine e correttezza, dopo il risultato del Campus Biomedico su i tre prima citati, abbiamo effettuato un secondo controllo, appoggiandoci ad un laboratorio di Napoli, MeriGen. Un laboratorio molto serio che con il Dott. De Biase ha grande esperienza e professionalità. Anche lì: i quattro positivi riscontrati sono stati confermati tali, come hanno appurato l’assenza dei tre geni per Strakosha e Lucas Leiva, riservandosi un ulteriore controllo solo per il tampone di Ciro Immobile. Stamattina mi ha chiamato, dopo aver effettuato test accurati, e mi ha comunicato la positività di quest’ultimo al solo gene N. Solo quello, che è un gene ballerino: a volte esce positivo, altre volte no. E non può essere probante di un’infezione. La Guardia di Finanza di Avellino ha sequestrato i campioni di questi sette che erano nel nostro frigorifero, che sono a disposizione di chiunque voglia analizzarli. E non solo, ha sequestrato anche tutto ciò che ha riguardato l’iter avviato dalla Lazio nel giorno 6 novembre. Dico di più: Lucas Leiva e Strakosha potevano giocare con la Juventus al 100%, così come anche Ciro Immobile, a mio parere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy