Cagliari, la carica di Semplici: “C’è fiducia e fame di rivalsa. Contro la Juventus dobbiamo provarci”

Le parole del tecnico rossoblù a pochi giorni dalla delicata sfida contro la Juventus

cagliari

Ancora pochi giorni e sarà Cagliari-Juventus.

Mancano poco più di 48 ore alla sfida della “Sardegna Arena” tra Cagliari e Juventus, che andrà in scena domenica alle 18:00. Un impegno importante per la compagine rossoblù, attualmente al quartultimo posto in classifica, a sole due lunghezze di vantaggio dal Torino terzultimo. Una sfida presentata dal tecnico Leonardo Semplici, durante un’intervista concessa ai microfoni di Radiolina. 

Contro la Juventus dobbiamo provarci. I bianconeri sono una grande squadra, sulla carta è una partita quasi impossibile, ma nella situazione in cui siamo è giusto cercare di raccogliere quei punti che possono darci ancora più continuità. Abbiamo le caratteristiche tecniche e soprattutto morali per giocare una grande partita, metterli in difficoltà e portare a casa un risultato positivo. Dovremo fare una grande prestazione, giocare con rispetto ma senza timori reverenziali”.

Semplici si è poi espresso sul momento vissuto dalla squadra: “Sono stati bravi i ragazzi ad ottenere buoni risultati che ci hanno un po’ rimesso in carreggiata. Assieme allo staff, ho portato la mia esperienza, l’entusiasmo, ho cercato di dare dei concetti per far tornare quei risultati che prima, per una serie di motivi, non venivano. Piano pian sto conoscendo i giocatori, non solo le loro qualità tecniche ma soprattutto quelle umane. Ho chiesto loro di fare le cose semplici, di liberare le loro qualità. Mi hanno dato grande disponibilità, attraverso i colloqui singoli e di squadra; cerco di metterli in condizione di dimostrare le loro doti. C’è fiducia e grande desiderio di rivalsa, di ribaltare questa situazione. Guido un gruppo sano, pulito, che vuole dare alla Società, ai tifosi, a tutto il popolo sardo le soddisfazioni che meritano. “Sto cercando di migliorare quei pochi concetti che ho dato inizialmente sulla fase di non possesso. Stiamo iniziando a concentrarci anche su quella di possesso, cerco di alternare gli allenamenti per dare forza e convinzione di andare ad esprimere un certo tipo di gara. Qualcosa si è già vista contro la Sampdoria, specie nel primo tempo, poi nella ripresa siamo un po’ calati. Il mio desiderio, e anche quello dei ragazzi, è di giocare 90’ con una certa personalità: la nostra idea di gioco non deve cambiare. Poi in alcune gare potrà capitare di subire gli avversari, in altre saremo noi a fare la partita. Dobbiamo essere pronti a gestire entrambe le situazioni”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy