MICCOLI: “ECCO MOTIVI DEL MIO SILENZIO”

Fabrizio Miccoli in conferenza stampa ha spiegato il motivo che lo ha indotto a 5 lunghi mesi di silenzio. Ecco quanto ripreso dalla redazione di Mediagol.it presente al Tenente Onorato di.

Fabrizio Miccoli in conferenza stampa ha spiegato il motivo che lo ha indotto a 5 lunghi mesi di silenzio. Ecco quanto ripreso dalla redazione di Mediagol.it presente al Tenente Onorato di Boccadifalco. “E semplice il motivo del mio silenzio. Voglio che uno sia giudicato sul campo in base alle prestazioni. Dopo la partita di andata con lInter ho segnato due reti, ero il man of the match serata, eppure il giorno dopo ero sui giornali per altri motivi, ci può stare, mi metto dalla parte dei giornalisti e capisco il loro lavoro. Succede che Fabrizio è amico del figlio di una persona che è stata arrestata, ma si parla di tutto tranne del fatto che questo amico è incensurato, ha la stessa età mia, appena lho conosciuto forse è stato quello che mi ha rispettato di più e mi ha trattato non solo come luomo Miccoli, ma come Fabrizio: il suo amico. Però capisco che ci poteva stare, ma passare su tutti i telegiornali, anche di prima mattina è troppo. Allora ho deciso di non parlare più. Io tratto le persone in base a come si comportano con me, non in base a chi sono o di chi sono figli. Perché non ho parlato per spiegarlo? Non lo volevo neanche dire altro, perché volevo aspettare o comunque volevo avere il tempo anche di vedere tante altre cose, ma ormai sono passati sei mesi e lo dico perché è una cosa che sinceramente per me è diventata normale – ha proseguito Miccoli dalle parole riprese da Mediagol.it – non è successo niente, anche la stessa gente di Palermo che mi fermava per strada rideva di questo, sa che sono cose che non esistono. Questo ragazzo avrà altri tremila amici, non capisco perché è stato fatto solo il mio nome. io ho sempre guardato avanti, sono andato avanti a testa alta e queste sono cose che non mi interessano”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy