Sassuolo, Locatelli: “Il gol alla Juventus emozione unica, l’addio al Milan devastante”. E su De Zerbi..

Le dichiarazioni del centrocampista neroverde

Italia

Parola a Manuel Locatelli.

Serie A, Inter-Sassuolo: ecco la data ufficiale del recupero

Manuel Locatelli si è raccontato ai microfoni di SkySport a 360°:“Da quando sono al Sassuolo ho raggiunto consapevolezza di chi sono veramente. Ho giocato nel Milan ed è stata un’esperienza fantastica, ora qui al Sassuolo ho trovato un realtà bellissima. Non so se questo sarà il mio ultimo anno qui, io sogno di essere importante per questa squadra e di fare un buon Europeo“.

Sassuolo

“Il momento del mio primo allenamento con il Milan è stato un’emozione incredibile. Avevo 16 anni, mi chiamò in Prima squadra Allegri e Galliani mi disse che mi dovevo allenare con loro: c’erano Kakà, Robinho, De Jong. Un’emozione che conserverò per tutta la vita. Anche l’attimo del mio primo contratto da professionista me lo ricorderò sempre: c’era Galliani, persona che stimo profondamente e che è stata molto importante per me, che mi ha dato la sua penna, quella del Milan – che ho ancora a casa –, è stata una grande emozione”. 

Prime soddisfazioni conquistate sul campo:“Il primo gol in Serie A lo realizzai proprio contro il Sassuolo. Una partita incredibile, eravamo sotto, entro in campo, riusciamo a pareggiare proprio con la mia rete; nel momento in cui gioco a calcio non penso a niente, guardo solo la palla che si insacca sotto al sette, sento il boato del pubblico e inizio a correre. Sono emozioni, momenti, che non riesci a descrivere. Non ci ho capito davvero nulla. Milan-Juventus invece è una di quelle partite bellissime da giocare, io sono riuscito a fare il gol decisivo per la vittoria, è stata un’emozione incredibile. Poi casualmente, perché non avevo preparato niente, esulto in scivolata e c’è una foto che ritrae il pubblico in estasi: un film perfetto. Il momento in cui mi è stato detto dal Milan che avremmo dovuto prendere due strade separate è stato devastante”.

“Non ero facile da gestire, mi arrabbiavo per cose futili. I compagni del Sassuolo mi hanno fatto da chioccia, in me hanno sempre visto delle qualità, mi hanno anche difeso col mister in alcune situazioni di campo. Un insieme di cose che mi ha fatto diventare quello che sono. De Zerbi ha un ruolo fondamentale in me, mi ha cambiato. Mi ha fatto giocare, mi ha dato delle delusioni, abbiamo litigato però ha sempre creduto in me. Mi ha voluto lui al Sassuolo, ho sempre sentito la sua fiducia”, racconta Locatelli.

“Della prima chiamata in Nazionale l’ho saputo mentre ero sul divano, con la mia ragazza e due nostri amici: guardo le convocazioni e la prima reazione sono state le lacrime. Giochiamo in trasferta con l’Olanda, durante la rifinitura il mister viene da me e con una tranquillità che mi ha sciolto mi dice ‘Manuel fatti dare la palla, gioca come sai e vai in campo’, ha concluso il centrocampista neroverde.

Italia, Mancini perde Kean: le ultime sulle condizioni dell’attaccante del Paris Saint Germain

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy