Chievo-Sampdoria, Giampaolo: “Entrambe senza motivazioni, ora contano gli obiettivi personali. Quagliarella…”

Chievo-Sampdoria, Giampaolo: “Entrambe senza motivazioni, ora contano gli obiettivi personali. Quagliarella…”

Le dichiarazioni del tecnico blucerchiato Marco Giampaolo alla vigilia di Chievo-Sampdoria

Chievo Verona Sampdoria si sfideranno domani nel lunch match della penultima giornata del campionato di Serie A.

Il tecnico blucerchiato Marco Giampaolo, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro i clivensi, ha parlato del momento che i suoi stanno vivendo: “Giochiamo contro una squadra che non ha più motivazioni. Se vogliamo noi ci troviamo nella stessa condizione. Siamo sul punto di prevalere dal punto di vista tecnico. Sfondare il muro dei 50 sarebbe opportuno, chiudere in maniera dignitosa altrettanto. Ora gli obiettivi personali diventano importanti, quando non giochi partite che dicano qualcosa hai qualche infortunato di troppo e devi cercare di metterli assieme. La Samp è nella condizione di fare risultato. Rispetto allo scorso anno siamo migliorati, al di là dei numeri siamo stati capaci di stare dentro la partita fuori casa. Siamo migliorati nella tenuta mentale ma non sufficiente bravi per fare il salto di qualità. Le sensazioni che ho avuto nelle partite sono state sensazioni di inerzia. La squadra un po’ più consapevole ma bisogna migliorare. Paradossalmente abbiamo fatto meno punti in casa. pacchetto difensivo siamo migliorati a numeri di gol subiti. Ma non è sufficiente. Per fare il salto di qualità dobbiamo migliorare. Si può migliorare nella tenuta difensiva che non dipende solo dai difensori ma da un lavoro sempre più collettivo. Lo score comunque è migliorato ma bisogna migliorare”.

A proposito, invece, dei singoli che potrebbero scendere in campo domani: “Io penso che Andersen sia un ottimo giocatore nella costruzione di gioco, è migliorato nella fase difensiva ma penso che uno step per lui sia importante. Colley ha caratteristiche diverse, Tonelli altre ancora. Andersen dotrebbe essere a disposizione da martedì prossimo. Questa settimana siamo stati vicino a recuperarlo ma i dottori hanno deciso di non rischiarlo. Sau per comportamenti e qualità di allenamenti è eccezionale. L’ho penalizzato. Ma l’ho fatto perché poi Fabio ha sempre giocato ed è un posto in meno. Poi in rosa ha Caprari, Defrel, Gabbiadini, Ramirez e Saponara. Ma non posso fare altro che parlarne bene. Non partirà dall’inizio domani ma ci sarà tempo per uno spezzone domani. Quagliarella gioca per il suo obiettivo personale. Sta bene, in allenamento lo vedo motivato perchè giustamente ci tiene. Farà di tutto per non farsi sfuggire l’obiettivo che è alla portata. Al massimo la deciderà all’ultima partita. Sarebbe una piccola vittoria, personale ma anche di squadra. La Samp non ha avuto grandi difficoltà a mandare in gol i calciatori, deve trovare più equilibrio fra le proposte offensive ed essere forti difensivamente. Defrel fino all’altro ieri ha lavorato differenziato. Si è allenato in gruppo da ieri ed è stato convocato. Idem Ronaldo che è rientrato solo stamattina. Volevo farlo giocare ma non posso visto che si è allenato stamattina. Ho un’idea di far giocare Tavares, ho un’idea di far giocare Praet play ma voglio rivederla. Se gioca Praet play, Barreto giocherà con a sinistra uno fra Jankto e Linetty. Se gioca Ekdal ci sarà Praet a destra e uno fra Jankto e Linetty a sinistra. Trequarti gioca o Defrel o Ramier. E la formazione è fatta con Rafael in porta”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy