Roma, Sabatini su Pastore: “Gli ho visto portare il Palermo in alto, ma ora il suo rendimento mi imbarazza…”

L’ex d.s della Roma, Walter Sabatini, si è soffermato sul caso Pastore: “Non posso vederlo giocare così”

Parla Walter Sabatini.

L’ex direttore sportivo della Roma, attuale responsabile dell’area tecnica della Sampdoria, intervenuto ai microfoni di TeleRadioStereo, ha tracciato un bilancio sul mercato e sui top e flop della stagione giallorossa, soffermandosi in particolare sul rendimento di Javier Pastore: “Vederlo giocare così mi imbarazza moltissimo. Ho avuto la fortuna di vederlo dominare il campo, di abbagliare la gente con giocate soprannaturali. Gli ho visto giocare partite epiche e portare il Palermo in una posizione di classifica importante, ora non posso vederlo giocare così”.

Nonostante le mille difficoltà ad integrarsi, Sabatini, che conosce bene ‘El Flaco’, è certo che riuscirà a trovare quella grinta che lo ha sempre contraddistinto, fin dalla sua prima esperienza in Italia con la casacca rosanero: “Deve attingere al suo carattere argentino, alla sua ‘garra’, al suo orgoglio se ce l’ha, altrimenti è meglio che si dedichi ad altro. E’ un playmaker a tutto campo, bisogna rimuovere l’idea che possa essere un enganche o un trequartista, deve sempre star vicino alla palla. Lui si sposerebbe alla grande con il gioco di Giampaolo perché fraseggia in ogni zona del campo, però non mi fate andare avanti perché sennò vengo frainteso”.

Chiosa finale sul suo passato a Roma: “Sentimentalmente la sentirò sempre mia, tutto quello che è successo poi è un prosieguo di quanto succedeva prima. La Roma è stata il mio destino, non è solo un fatto sportivo. E continua ad esserlo, anche se adesso mi occupo della Sampdoria – ha concluso Sabatini –“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy