Palermo-Roma, El Shaarawy al 45′: “I rosa sono aggressivi, ma noi dobbiamo vincere”

L’intervista al termine del primo tempo di Palermo-Roma: parla Stephan El Shaarawy.

Intervistato ai microfoni di Mediaset Premium al termine del primo tempo di Palermo-Roma (0-1 il punteggio parziale), l’attaccante giallorosso, Stephan El Shaarawy, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni.

“Il gol è importante per me e per la squadra, loro sono aggressivi ma dobbiamo vincere per la classifica. Sono contento per il gol, Dzeko sta facendo molto bene ma pensiamo a portare a casa i tre punti

PALERMO-ROMA: SEGUI QUI LIVE IL MATCH DEL BARBERA

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Maurizio D'Aiuto - 4 anni fa

    Gol BUONO del Palermo annullato!! Siamo sempre alle solite

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabrizio Riccobono - 4 anni fa

    Il grande socialman Morganella sta gran testa di cazzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Manlio Ciralli - 4 anni fa

    Ho fatto un incubo, talmente brutto che lo voglio condividere qui. Per cacciarlo piu’ lontano possibile, sperando che io non l’abbia confuso, in realta’, con un sogno premonitore. Ve lo racconto: l’Integritas Capital era una bufala clamorosa. Anzi no. Una raffinatissima operazione di ricostruzione dell’immagine. E non di Paul Baccaglini che – a parte essere un discreto aggregatore/comunicatore peraltro molto simpatico – viveva come quasi tutti noi (tra spesa, bollette, mutuo, assicurazione, etc etc etc). E Paul Baccaglini e’ – biografia alla mano – uno che campa (e ha campato) di spettacolo (radio e TV) , di ruoli insomma, di interpretazioni, come al teatro, come nei film, come in TV, appunto.
    Nel mio incubo lui, l’attore Paul, veniva richiesto e pagato da un impresario canta-storie, produttore di fiction, nel caso, il Signor Maurizio Zamparini. Qualche decina di migliaia di euro il cachet. Poco conto per chi ne sperpera centinaia cacciando tecinici a ripetizione da decenni.

    L’incubo quindi diventava farsa. Una farsa capace di durare con un po’ di allunghi e ritardi, gia’ studiati (la data del 30 aprile diventava puro fanta-closing, per utilizzare un inglesismo che i piu’ hanno imparato da quando finti cinesi sono stati accostati al Milan) sino a oltre il termine della stagione che verosimilmente vedeva il Palermo in serie B. Con una citta’ depressa ma speranzosa nel nuovo fondo e in una pronta risalita guidata da risorse fresche, entusiamo dilagante e un mercato sontuoso…
    In realta’ succedeva altro..
    Ma e’ solo un incubo. Il mio. Personale.

    Succedeva che col Palermo in B e le tensioni della piazza allentate (con l’estate che tra sole, caldo e mare stemperava tutto e tutti) e dopo gli svariati ritardi procedurali che venivano via via annunciati da aprile sino a meta’ Giugno, Zamparini si trovava ad indire una necessaria conferenza stampa nel corso della quale – irritato e arrembante – comunicava che le garanzie necessarie a rilevare il 100% delle quote del Palermo erano venute meno; che il Sig. Baccaglini non era riuscito ad aggregare fondi e capitali tiratisi all’ultimo indietro e che quindi era saltato tutto. Che Lui (Zamparini) era costretto a riprendere le redini della societa’ e del mercato. Quello estivo. Sul quale non potevano che influire le ultime vicissitudini societarie…
    Mercato di ripiego quindi. E non per colpa dell’impresario. Il Sig. Maurizio da Aiello del Friuli, ingannato per mesi da fantomatici investitori anglo-americani che avevano limitato la pianificazione (ma anche annientato per mesi una protesta irritata sempre piu’ crescente).

    Alla fine del mio incubo, Palermo in B, mercato modesto, paracadute da 25 milioni nelle tasche di emmezeta e immagine del salvatore della patria parzialmente ricostituita e riconosciuta al Presidente piu’ vincente della storia rosanero. Perche’ per il palermitano alla fine contava sempre il male minore (anche se costruito a tavolino e narrato attraverso una sceneggiatura articolata quasi di fattura Hollywoodiana).

    L’incubo terminava con svariati post sui social network che alla fine, come un mantra, una epidemia di pensiero, riportavano a galla un vecchio proverbio siciliano MEGGHIU U’ TINTU CANUSCIUTU CA U BONU A’ CANUSCIRI (È MEGLIO UN CATTIVO CONOSCIUTO PIUTTOSTO CHE UN BUONO SCONOSCIUTO).

    Per la serie, tutti si abbassava la testa, si accettava la B…con buona pace di tutti! E Con emmezeta a capo del conto economico.

    Speriamo rimanga un incubo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giuseppe Di Salvo - 4 anni fa

    Goal di Nestorosky era regolare. Detto da Mediaset Premium

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Stefano Ralli - 4 anni fa

    Bravi Sallai ed Embalo, strano che non hanno fatto un tiro in porta in tutto il campionato ! e Chochev titolare e Diamanti in panchina ? No, non è Zamparini che fa la formazione, ma che scherzi ?!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Antonello Provenzano - 4 anni fa

    Aggressivi?! Scherza?! Quando abbiamo palla al limite dell’area della Roma passiamo indietro fino a Fulignati

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy