Lazio-Roma, il derby di Vucinic: “Svelo risultato e marcatori. Pronto a sfottere i laziali…”

Le dichiarazioni rilasciate dall’ex attaccante giallorosso alla vigilia del Derby di Roma, in programma domani sera allo Stadio “Olimpico”

Poco più di ventiquattro ore e sarà Lazio-Roma, match valido per la ventiseiesima giornata del campionato di Serie A.

Non certamente una partita come le altre. Intervistato ai microfoni del ‘Corriere della Sera’, chi ha detto la sua sul Derby di Roma in programma domani sera allo Stadio “Olimpico” (fischio d’inizio alle ore 20.30) è stato Mirko Vucinic, che nel corso della sua carriera ha vestito la maglia giallorossa per ben cinque stagioni, dal 2006 al 2011, salvo poi trasferirsi in quel di Torino, sponda Juventus.

“Dall’esterno può sembrare soltanto una partita importante, in realtà a Roma un derby si sente molto di più rispetto ad altre parti. È una sfida particolarissima, con sfottò tra romanisti e laziali che vanno avanti per mesi. E anche tra giocatori: i calciatori della Roma i giorni prima e dopo il derby non sono amici dei laziali. Cosa mi dicevano Totti e De Rossi prima del derby? Loro sono romani e hanno la Roma nel sangue, bastava vederli per capire che lo sentivano in maniera diversa rispetto a noi. Sicuramente erano più coinvolti. Ci caricavano a mille quando eravamo nello spogliatoio prima della partita in attesa di scendere in campo”, sono state le sue parole.

PRONOSTICI – “Come finirà? Dico 2-0 per la Roma. Segnano due tra Dzeko, Kolarov e De Rossi. Se vedrò la partita? Certo, tifando Roma. Pronto a mandare qualche sfottò agli amici laziali. Li chiamo: io parlo, loro stanno zitti. E alla fine attaccano sempre. A quale derby sono più legato? I più belli sono quelli vinti, ovvio. Il migliore è stato senza dubbio quello vinto 2-1 con una mia doppietta nell’aprile 2010”, ha concluso Vucinic.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy