Coronavirus, Cassano: “Stipendi tagliati dalla Juventus? Sono convinto che il campionato non riprenderà”

Coronavirus, Cassano: “Stipendi tagliati dalla Juventus? Sono convinto che il campionato non riprenderà”

L’ex calciatore di Roma e Sampdoria, tra le altre, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in merito all’emergenza Coronavirus

Antonio Cassano ha detto la sua in merito alla decisione presa dalla Juventus e legata al taglio degli stipendi fino a giugno.

L’ex fantasista di Roma e Sampdoria, tra le altre, ha commentato la scelta presa dal club bianconero riguardo gli stipendi dei calciatori che in accordo con gli stessi sono stati bloccati fino al prossimo 30 giugno. Fantantonio nel corso dell’intervista rilasciata a ‘Il Corriere dello Sport’, si è anche espresso su un dualismo a lui molto caro ossia quello tra Maradona e Messi.

“Se la Juventus ha tagliato gli stipendi è perché quasi sicuramente non si giocherà più questo campionato, vuol dire che lo sanno già altrimenti non lo avrebbero fatto. Possibili correzioni se si tornasse a giocare? Si sarebbe potuto fare di mese in mese. Si sarebbe anche potuto fare a fine giugno. In Serie A è giusto che si faccia un taglio, mentre in Serie B e in Serie C vanno trovate soluzioni diverse perché lì i calciatori guadagnano molto meno. Maradona e Leo Messi? Maradona ha fatto qualcosa di mai visto per 4-5 anni, ma Messi fa le stesse cose sue da 15 anni. Ha fatto 710 goal e 300 assist, quando gioca sei 1-0. I maradoniani devono farsene una ragione, c’è qualcuno che lo ha spodestato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy