Verona-Parma, D’Aversa: “Serve una vittoria per uscire dalla crisi. Dobbiamo migliorare l’atteggiamento”

Le dichiarazioni dell’allenatore dei ducali

serie a

Il Verona trova la vittoria in rimonta contro un generoso Parma per 2-1.

Serie A, Verona-Parma: crisi nera per D’Aversa, Juric torna alla vittoria grazie a Barak. La classifica aggiornata

I ducali sono in piena crisi e occupano la penultima posizione in classifica, con l’esonero di Fabio Liverani e l’arrivo di Roberto D’Aversa si sta provando a fare scoccare la scintilla. Proprio il neo tecnico del Parma ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di Sky nel post partita.

D’Aversa appare rammaricato, alla ricerca di un risultato positivo per dare la scossa: “Era importante un risultato positivo. Eravamo partiti bene, poi la posizione di classifica non ci fa interpretare bene le gare. Il primo gol ce lo siamo fatti da soli, questo ci deve far riflettere, perché bisogna fare di tutto per portare a casa il risultato. Questo non lo stiamo facendo. Oggi siamo partiti bene, ma stavamo commettendo troppi errori tecnici per paura. Fondamentalmente è quello, trasmetti negatività e finisci che ti fai gol da solo. Puntualmente abbiamo subito gol, in questo momento ragioniamo su quello che si fa in settimana e riportarlo in campo”.

Oltre a prendere tanti gol, il Parma ne realizza pochi, l’allenatore ducale spera di trovare una soluzione anche sotto questo aspetto: “Il cambio di Cornelius però era stato costretto dal suo minutaggio, perché non poteva giocare tutta la partita. Ha fatto un lavoro importante per la squadra. Gervinho non è stato lucido ma è importante, ha fatto quattro gol. Paragoni sull’anno scorso non voglio farne: Inglese non è a disposizione, Zirkzee è un investimento per il futuro, non diamo troppe responsabilità ai singoli. Penso che questo dipenda da tutta la squadra. E’ un discorso di atteggiamento, di voglia di far gol: la difficoltà c’è, ma dobbiamo ragionare a livello di squadra”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy