Spezia-Parma, club ducale deferito per tentato illecito sportivo: la Serie A adesso è a rischio…

Spezia-Parma, club ducale deferito per tentato illecito sportivo: la Serie A adesso è a rischio…

La Procura questa mattina ha consegnato l’avviso di chiusura indagine. E per il club scatta la responsabilità oggettiva…

Tentato illecito.

E’ questa – secondo quanto riportato da Ansa – l’accusa che il Procuratore della FIGC Giuseppe Pecoraro avrebbe mosso al Parma ed ai suoi tesserati per il caso degli sms inviati a due calciatori dello Spezia prima dell’ultimo match di campionato andato in scena allo stadio Picco. L’avviso di conclusione indagini notificato al Parma ha subito però nelle ultime ore una modifica con Ceravolo che ne è uscito pulito.

“Il Procuratore Federale, esaminati gli atti dell’indagine disciplinare esperita in relazione alla gara Spezia-Parma del 18 maggio 2018 – ha concluso le indagini formulando le seguenti incolpazioni: Calaiò Emanuele, calciatore tesserato per la società Parma Calcio 1913 S.r.l., violazione dell’art. 7, commi 1 e 2, del C.G.S., per avere, prima della gara Spezia-Parma posto in essere atti diretti ad alterare il regolare svolgimento e il risultato finale della gara suddetta, tentando di ottenere un minor impegno agonistico da parte dei calciatori dello Spezia Calcio, signori Filippo De Col e Claudio Terzi, per assicurare alla propria squadra il risultato favorevole dell’incontro, e, in particolare, inviando a tal fine a Filippo De Col, qualche giorno prima della gara, messaggi a mezzo dell’applicativo di messaggistica whatsapp”. E ancora il Procuratore Federale incolpa “la società Parma Calcio 1913 per rispondere a titolo di responsabilità oggettiva, ai sensi degli artt. 7, comma 2, e 4, comma 2, del CGS, per il comportamento posto in essere dal proprio tesserato Calaiò”.

La Procura ha chiuso oggi le indagini, comunicando la violazione dell’art.7 agli interessati e aprendo così l’iter per il deferimento. E ciò potrebbe mettere a rischio la promozione in Serie A della squadra di Roberto D’Aversa. Sì, perché per il club è scattata la responsabilità oggettiva.

Il codice, infatti, non fa alcuna differenza tra un illecito consumato ed un illecito solo tentato: “Il compimento, con qualsiasi mezzo, di atti diretti ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o di una competizione ovvero ad assicurare a chiunque un vantaggio in classifica costituisce illecito sportivo”.

Entro una decina di giorni – scrive Gazzetta.it – la società emiliana e Calaiò andranno a processo presso il Tribunale Federale. Nel caso in cui il tentativo di illecito venisse confermato, il Parma rischierebbe una penalizzazione in termini di punti che dovrà essere scontata nella stagione in corso. Una penalizzazione che, di fatto, potrebbe anche modificare l’ultima classifica del campionato di Serie B.

27 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. robertolobugli_396 - 2 anni fa

    se zampa va via mi accollo pure un altro anno di B, me lo avessero detto a inizio stagione avrei messo la firma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paperinik - 2 anni fa

    Calaio’, orgoglio palermitano, ci portera’ in serie A.
    Haa, haaa haa!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. LaCosa - 2 anni fa

    Perdonami, più che fallire loro (esticaxxi?) hanno fatto fallire migliaia di famiglie che avevano investito in obbligazioni tossiche della Parmalat. Ma quelli non hanno nomi importanti e quindi sticaxxi un’altra volta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gastone9 - 2 anni fa

    Allora abbiamo capito che ci sono nuove regole nei campionati italiani. Si può minacciare un arbitro dopo un calcio di rigore, si possono buttare i palloni in campo quando la squadra avversaria attacca. E per ultimo all’ultima giornata di campionato si può fare illecito sportivo, tanto la sconti l’anno successivo con dei punti in meno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. gabry72 - 2 anni fa

    finira’ tutto in una bolla di sapone…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Freddy57 - 2 anni fa

    Frosinone e Parma ….. Dove sta la sportività ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Lucka90 - 2 anni fa

    Una domanda squisitamente tecnica alla redazione: se il Parma o il Palermo, alla luce della possibile nuova classifica, dovesse classificarsi, o l’uno o l’altro, terzo perché sarebbe promosso direttamente in serie A?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LaCosa - 2 anni fa

      sarebbe un casotto. e quindi meglio evtare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-5345498 - 2 anni fa

    Se il deferimento è legato solo ai due sms che ho potuto leggere su repubblica, allora è una buffonata, e non accadrà nulla. Molto più grave quanto successo nella finale di ritorno contro il Frosinone …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gg.rosanero - 2 anni fa

      Hai detto bene!!!
      Se questi due sms fanno scattare l’illecito sportivo a quelli del Frosinone li dovevano arrestare e buttare la chiave..Che schifo..Che vergogna!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. MALEDETTO calaio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. David Sutera - 2 anni fa

      Forse forse invece ha fatto un favore…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Manlio Calagna - 2 anni fa

    Faranno risalire il Crotone….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ettore Caruso - 2 anni fa

      In base a quale logica?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Piergiorgio Geraci - 2 anni fa

      No, la penalizzazione è sul campionato appena finito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Giuseppe C. - 2 anni fa

    Illecito ? Esagerati !
    Credo che una pena equa sia una multa di 10.000 € per calciatore ed al massimo di 25.000 € per la società Parma, “un club rispettabile e onorabile che merita il proprio titolato patrimonio di otto trofei nazionali e continentali vinti (3 Coppe Italia, 2 Coppe Uefa, 1 Coppa delle Coppe, 1 Supercoppa Italiana e 1 Supercoppa Europea), noto per la correttezza e lo stile della sua tifoseria e della città di Parma.”
    Ah già … per vincere quei titoli poi son falliti, ma son discorsi sui quali non insisterei per non rischiare di essere querelato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LaCosa - 2 anni fa

      Perdonami, più che fallire loro (esticaxxi) hanno fatto fallire migliaia di famiglie che avevano investito in obbligazioni Parmalat. Ma quelli non hanno nomi importanti e quindi sticaxxi un’altra volta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Gaetano Covais - 2 anni fa

    Il regolamento parla chiaro. A scanso di equivoci, in caso di condanna il Parma non sarebbe penalizzato di un punto perché per il tentato illecito il codice di giustizia sportiva prevede una penalizzazione dai 4 ai 6 punti. Quindi sgombriamo il campo da un arrivo a pari punti con il Palermo in caso di condanna. La vera domanda è un altra:Il Parma sarà condannato? E per una volta sono cattivo, non dormo da Sabato ma voi tifosi del Parma non dormirete almeno per un mesetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Angelo La Rosa - 2 anni fa

    Scommettiamo che va a finire come quando penalizzarono il Milan quel tanto che basta per non mandare noi in Champions al posto dei rossoneri?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giovanni Traina - 2 anni fa

      Qua è un po’ più difficile o insabbiano tutto o se danno la penalizzazione sono minimo quattro punti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Angelo La Rosa - 2 anni fa

      Giovanni, speriamo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Francesco Trapani - 2 anni fa

    Vediamo come si evolve la situazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Emanuele Drago - 2 anni fa

    Messaggio: non ci spaccate le gambe…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. E non oso immaginare cosa abbiano scritto nei due messaggi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Emanuele Drago - 2 anni fa

      Il compimento, con qualsiasi mezzo, di atti diretti ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o di una competizione ovvero ad assicurare a chiunque un vantaggio in classifica costituisce illecito sportivo.
      Le società e i soggetti di cui all’art. 1 bis, commi 1 e 5, che commettono direttamente o che consentono che altri compiano, a loro nome o nel loro interesse, i fatti di cui al comma 1 ne sono responsabili.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Emanuele Drago - 2 anni fa

    Il codice non fa alcuna differenza tra un illecito consumato ed un illecito solo tentato. L’articolo 7 recita: “Il compimento, con qualsiasi mezzo, di atti diretti ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o di una competizione ovvero ad assicurare a chiunque un vantaggio in classifica costituisce illecito sportivo”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alexpalermo - 2 anni fa

      sicuramente non succederà… nulla

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy