Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

L'INTERVISTA

Rinaudo: “Settore giovanile famiglia di uomini veri. Capodicasa e Di Benedetto ok”

Rinaudo: “Settore giovanile famiglia di uomini veri. Capodicasa e Di Benedetto ok”

L'intervista concessa da Leandro Rinaudo, responsabile del settore giovanile del Palermo, alla redazione di Mediagol.it

Mediagol (bf) ⚽️

Dirigente e riferimento imprescindibile sul piano professionale, ma non solo. Il responsabile del settore giovanile del Palermo, Leandro Rinaudo, costituisce una figura centrale e di supporto anche sotto il profilo umano, psicologico e sostanziale per tutti i ragazzi del settore giovanile rosanero. L'ex calciatore di Napoli, Palermo e Juventus sottolinea e focalizza qualità ed importanza del lavoro svolto da tutti i componenti dello staff in seno al vivaio della società del presidente Dario Mirri nel corso dell'intervista esclusiva concessa alla redazione di Mediagol.it. 

Intervista realizzata da Leandro Ficarra

AL TIMONE DEL SETTORE GIOVANILE - "Ci sarebbero tanti aneddoti da raccontare. Ho deciso di iniziare questa esperienza con il Palermo tre anni fa e la porterò avanti fino all'ultimo giorno in cui sarò qui, con la stessa passione e voglia di quando svolgevo il ruolo di ds in Serie B. Ci sono tanti aneddoti che potrei raccontare, perché quando lavori con i giovani ci sono diverse situazioni. Devi stargli vicino e ascoltarli: c'è chi deve migliorare a scuola, riceve le fisiologiche pressioni dai genitori o chi magati si è lasciato con la ragazza e dunque si abbatte sul piano psicologico. Con il tempo si è creato un settore giovanile fatto di persone vere: dai dirigenti accompagnatori allo staff tecnico e medico. La passione che stiamo mettendo è qualcosa che va oltre il proprio lavoro, si è creata una vera e propria famiglia. Quest'anno c'è con noi anche Fabrizio Giambona che svolge il ruolo di responsabile organizzativo e sta facendo un lavoro egregio. Siamo diventati una famiglia, per questo motivo i risultati arrivano e sono sicuro che continueranno a realizzarsi. Si è formato uno zoccolo duro e nonostante le difficoltà che ci sono e ci saranno sempre, tutti loro sono bravi a sopperire alle difficoltà. Di Benedetto per Capodicasa sulla panchina della formazione Primavera? Con Antonello è rimasto un ottimo rapporto, ha fatto davvero un gran lavoro con il Palermo. L'ho ringraziato e continuerò a farlo, ha fatto delle cose davvero importanti. Stefano è un ragazzo più giovane rispetto proprio a Capodicasa con delle esperienze sopra le spalle, parliamo di una persona perbene che ha una passione fuori dal normale e nel suo lavoro è davvero maniacale. Uno che pretende molto e sta attento ai dettagli, non lascia nulla al caso e ha delle sue idee. La professionalità ha contraddistinto entrambi gli allenatori: se il primo cerca di trovare la soluzione nel più breve tempo possibile, Antonello era un po' più riflessivo. Due allenatori importanti che possono fare molto bene come si è già visto nel corso delle rispettive carriere".

tutte le notizie di