Porchia-Mediagol: “La Gumina-Fiordilino-Accardi emblema del nostro lavoro. Il vivaio del Palermo…”

Porchia-Mediagol: “La Gumina-Fiordilino-Accardi emblema del nostro lavoro. Il vivaio del Palermo…”

Le parole del responsabile del settore giovanile del Palermo, Sandro Porchia, in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it

Un’impresa da incorniciare quella realizzata dal Palermo di Giuseppe Scurto.

I giovani talenti rosanero hanno ottenuto la promozione in Primavera 1, la massima divisione della categoria, al termine di una stagione straordinaria nella quale si sono messi in luce diversi prospetti interessanti. Soddisfatto per l’obiettivo raggiunto il responsabile del settore giovanile rosanero, Sandro Porchia, che, in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it, ha ripercorso la stagione esaltante vissuta dalla compagine di Scurto.

“Rizzo, Santoro e Gallo? Prima ho citato loro perché sono stati contrattualizzati e quindi vuol dire che possono e potevano essere degli ottimi prospetti anche per la prima squadra. E’ normale che poi i percorsi individuali andranno scelti in base alla categoria e anche alle decisioni societarie, però sono dei ragazzi che hanno dato tantissimo e sono pronti per giocare a livello professionistico. Ovviamente il salto da una dimensione giovanile ad un campionato di Serie B o anche di Serie C non è affatto semplice. Credo che il campionato di Primavera 1 sia comunque un banco di prova importante perché ti confronti con squadre strutturate che hanno tantissimi giocatori di qualità”.

Lo stesso dirigente di origini cosentine ha tessuto le lodi dei tre ‘picciotti’ già protagonisti in prima squadra concentrandosi principalmente sull’exploit di Nino La Gumina.

“La Gumina? Un’emozione unica vedere segnare Nino che prova a portare il Palermo in alto, è cresciuto molto sotto ogni punto di vista anche per quanto concerne quello caratteriale anche perché lavorare con i più grandi ti insegna sempre qualcosa. Questo ragazzo, insieme a Fiordilino e Accardi,  ha fatto tutte le trafila nel settore giovanile rosanero, era da tempo che non si vedevano tre giocatori palermitani in campo nello stesso momento. Questo credo che sia un qualcosa di importante per tutti, come ha detto Zamparini avere tre ‘picciotti’ in squadra deve essere un grande orgoglio per l’intera città. In futuro sarà possibile trattenere a Palermo talenti come D’Amico e Angileri oggi punti di forza del settore giovanile di Inter e Juventus?  I percorsi  possibili per dei giovani al termine del periodo di formazione sono due: o cresci e ti imponi in prima squadra oppure quando sei attenzionato da società importanti è difficile trattenere dei ragazzi proiettati nell’orbita del grande calcio. Abbiamo visto che il settore giovanile del Palermo negli ultimi anni è cresciuto tanto ed è diventato davvero importante. E’ normale che vengono messe in risalto delle persone specifiche, ma dietro c’è un lavoro di gruppo che viene portato avanti davvero con tanto amore. Credo, come ribadito precedentemente, che il Palermo Calcio sia uno dei top a livello di settore giovanile al di là di Porchia o Baccin”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy