Ponte: “Non credo ai miei occhi, situazione inaspettata. Ecco come il Palermo può salvarsi…”

Le dichiarazioni di Antonio Ponte, finanziere italo-svizzero coinvolto quest’estate nell’acquisizione del Palermo Calcio, riguardo alla complessa vicenda societaria dei rosanero

Il Palermo è immerso nel caos.

I soci di Sport Capital Group, che avevano acquisito il 100% delle quote del club di Viale del Fante, si sono adesso dileguati: dopo l’advisor Dean Holdsworth, a dare l’addio alla società rosanero è stato il presidente Clive Richardson, stavolta ufficialmente, e con ogni probabilità anche John Michael Treacy saluterà a breve. Della dirigenza inglese non è dunque rimasto più nulla e attualmente l’unico rappresentante è l’amministratore delegato Emanuele Facile. La situazione è veramente complicata e la società, le cui casse sembrano essere vuote, è alla ricerca dei fondi per riuscire a rispettare tutte le scadenze sui pagamenti degli stipendi.

Antonio Ponte, finanziere italo-svizzero che la scorsa estate si era interessato all’acquisizione del Palermo Calcio offrendo all’ex patron Maurizio Zamparini una cifra da quest’ultimo ritenuta non sufficiente, è tornato a parlare, ai microfoni di ‘Zona Vostra’, in onda su TRM, della complessa vicenda societaria:
“Sempre interessato all’acquisizione del Palermo? Purtroppo la situazione è cambiata totalmente in un modo davvero caotico che nessuno poteva aspettarsi. Da otto mesi sono in questa situazione e ne ho viste di tutti i colori, ero molto vicino a fare determinate cose ma poi è svanito tutto. La situazione che si è venuta a creare adesso era l’ultima cosa che mi aspettavo, non credo ai miei occhi nel vedere quello che sta accadendo tra chi ha comprato qualche mese fa. La situazione non è migliorata, non è che adesso ci sono più margini per comprare il Palermo. Tutto si è complicato e visto e considerato che parliamo di somme importanti (tra i 40 e i 50 milioni), chi vuole investire seriamente non basta che metta i primi 5 o primi 10 ma deve essere cosciente di dover coprire anche il resto. Capisco che in caso di promozione in Serie A ci sarebbero delle entrate consistenti, io stesso quando mi ero interessato ho guardato soprattutto il lato sportivo. Il Palermo si salva solo con il raggiungimento della Serie A perché in caso di permanenza in B succederà il peggio. Quindi è difficile pensare di gestire una squadra con impegni di Serie A ma entrate di B“.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto-Londra - 2 anni fa

    No egregio sig Ponte. Che la situazione sia inaspettata non e’ credibile.
    Chiunque dopo aver assistito alla conferenza stampa doveva avere il dubbio che qualcosa non quadrava.
    Da quando in quando uno acquista un club di calcio e non cerca pubblicità’ urbi et orbi? Invece loro che fecero? Una bella conferenza stampa su un circuito web sconosciuto.
    Che dire poi della scena muta durante la conferenza stampa a Palermo in cui se ben ricordo parlarono solo Belli e Facile. A proposito, si hanno più’ notizie del professore universitario? un Belli sconosciuto… o Platt che avrà’ incassato la fiche di presenza.
    Per non parlare dell’incapacita’ gestionale laddove misero nuovamente nel CDA la sig.ra De Angeli che già era stato membro del precedente, nonché’ addetta all’amministrazione. Ma come? compri una società’ e non metti uno di tua fiducia a spulciare i conti?
    L’incapacita’ in sede di operazioni di mercato era il logico risultato di gente che non sapeva che pesci pigliare.
    Infine, le scatole cinesi, la miriade di società’ create e chiuse quasi a distogliere l’attenzione.
    Fossero stati capaci, avrebbero messo su un’operazione di cartolarizzazione prima dell’acquisto con vendita di un bond collegato all’acquisto stesso della società. Certo lo devi programmare, devi assicurarti di come pagare le cedole (ma puoi anche strutturala come una pass-through.. .cioe’ ti pago solo se incasso io o quando i dividendi della società’ usata come collaterale sono disponibili), a protezione metterai un CDS (credit default swap).. i metodi ci sono, ma non si fa in 5 minuti. Deve partire da lontano e devi avere i compratori del bond.
    Io spero solo che la vendita non sia valida, perché’ se questi si sono davvero accollati il tutto senza avere i soldi, sono dei pazzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy