Perinetti-Mediagol: “Inglesi inadempienti, situazione contorta. Operazione Mirri? Dico la mia. Renzo Barbera…”

L’intervista esclusiva realizzata dalla redazione di Mediagol.it al direttore generale del Genoa, Giorgio Perinetti che analizza il delicato momento societario del club di viale del Fante…

“Il Palermo è nelle prime posizioni della classifica di B, sapientemente diretto da Rino Foschi e da mister Stellone che sta guidando al meglio un gruppo di ragazzi che sta facendo più che bene. Questa direi che è la nota positiva dell’ultimo periodo”.

Ne è certo Giorgio Perinetti che, nel corso di un’intervista concessa in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it, ha analizzato il delicato momento sul piano strettamente societario vissuto dal club di viale del Fante. La società rosanero infatti, nonostante gli ottimi risultati maturati dalla squadra nelle ultime settimane, versa ancora oggi in una condizione di notevole difficoltà finanziaria.

Argomento caldo su cui, il direttore generale del Genoa, si è espresso con la consueta schiettezza

“La situazione societaria è molto contorta, con la cordata inglese che si è rivelata non inconsistente ma inadempiente e la situazione che è precipitata. Il Palermo negli ultimi anni ha sofferto molto con Zamparini che ha cercato in tutti i modi di sopperire senza però trovare una soluzione concreta e giusta per le sorti del club. L’ex patron ha dato molto al Palermo ma anche al calcio italiano e in questo momento difficile vissuto sotto il profilo personale non si è potuto occupare in prima persona di questa situazione. Adesso la situazione è molto pericolosa, poiché si è materializzata in corso d’opera e bisogna portare a termine la stagione dal punto di vista dei costi di gestione. Per farlo bisogna probabilmente ricorrere ad un intervento esterno e non è semplice reperirlo in tempi brevi”.

Chiosa sul provvidenziale intervento dell’imprenditore palermitano, Dario Mirri, che ha permesso al club rosanero di pagare gli stipendi dei suoi tesserati scongiurando per il momento  il rischio penalizzazione: “Mi sembra che la sua storia appartenga in qualche modo a una persona che ha dato solo lustro al Palermo che si chiama Renzo Barbera, un uomo davvero splendido che ho avuto l’onore di conoscere nel corso della mia vita. Una delle persone più belle che ho avuto il pregio di conoscere, non solo a Palermo nel mondo del calcio, ma in tutti gli ambiti della mia esistenza.  Mirri è un valido imprenditore palermitano che ha deciso di aiutare la squadra della sua città sia per affetto che per fare un’operazione commerciale, che può essere definita al contempo rischiosa e potenzialmente lungimirante. Per il Palermo è stato un intervento provvidenziale e determinante che ha scongiurato la probabile e imminente penalizzazione. Portare a termine la cessione totale del Palermo sarà senza dubbio più complicato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy