Perinetti-Mediagol: “Il valore attuale di Piatek e la mia sul caso Icardi. Genoa-Nestorovski? Ecco la verità…”

Il direttore generale del Genoa ha rilasciato un’interessante intervista esclusiva alla redazione di Mediagol.it: dall’esplosione di Piatek al caso Icardi passando per la verità sul presunto interessamento del club ligure per Nestorovski nella scorsa sessione invernale di mercato…

Krzysztof Piątek e Mauro Icardi.

I due attaccanti stanno vivendo due momenti nettamente agli antipodi: il polacco ha già realizzato sei gol in cinque partite con la maglia del Milan, regalando ai suoi nuovi tifosi due vittorie importantissime contro l’Atalanta in Serie A e il Napoli in Coppa Italia. L’argentino sta attraversando un periodo decisamente turbolento caratterizzato dai problemi relativi al rinnovo contrattuale che hanno portato l’Inter a togliergli la fascia da capitano e a non convocarlo per la gare contro  Sampdoria e Rapid Vienna: la querelle tra l’amministratore delegato Beppe Marotta e la consorte-manager, Wanda Nara, il suo futuro con la maglia dei nerazzurri è sempre più incerto. Così come la sua presenza nella prossima gara di campionato in casa della Fiorentina.

Inter, la querelle sul caso Icardi continua sui social: il consiglio di Wanda Nara…

A commentare la situazione dei due calciatori è intervenuto Giorgio Perinetti, direttore generale del Genoa, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni nel corso di un’intervista concessa alla redazione di Mediagol.it: “Valore di mercato di Piatek già quasi raddoppiato? Queste sono delle valutazioni che si fanno strada facendo, l’attaccante polacco è stata ad onor del vero una felice intuizione di Preziosi. Nel momento in cui si è fatto avanti il Milan, in seguito alla situazione che si è venuta a creare culminata con la partenza di Gonzalo Higuain, e abbiamo ceduto con non poche e articolate riflessioni, all’offerta importante formulata dai rossoneri, con il ragazzo che era comunque intenzionato ad avanzare di uno step sul piano professionale.  Evidentemente, riuscire a mantenere standard di rendimento così elevati, con continuità, anche con la maglia di un club dalla statura internazionale del Milan ne implementa vertiginosamente il valore del cartellino. Il Milan in un futuro potrebbe trattarlo con top club europei dalla forza economica ancora superiore a quella della società rossonera e di conseguenza negoziare su cifre diverse di quelle che ha incassato il Genoa per la sua cessione. Se Nestorovski è mai stato un obiettivo del Genoa per il dopo Piatek? No, lo escludo. Dopo la partenza di Piatek abbiamo preferito puntare su un profilo totalmente diverso dal macedone, cercavamo altro calciatore giovane di grande qualità da lanciare o, nel caso di Sanabria, da rilanciare. Direi che la scelta si sta rivelando azzeccata, la risposta del paraguaiano è fin qui stata importante con le tre reti messe a segno in quasi quattro partite disputate. Nestorovski è un finalizzatore eccellente però avevamo già individuato questo profilo ed eravamo decisi a perseguire l’obiettivo senza remore”.Caso Icardi? Lascio il problema spinoso al mio amico Marotta, non è certo un problema di Icardi-centravanti, il cui valore assoluto non è in discussione, perché credo che i nerazzurri faranno comunque di tutto per trattenerlo. La speranza è che possa rimanere nel nostro campionato e continui a fare quello che deve fare, le società però devono sempre avere e pretendere il massimo rispetto perché si è sempre più sbilanciati in favore dei giocatori. Bisogna, comunque, sempre trovare il giusto equilibrio tra le due parti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy