Pergolizzi: “Avversari bravi, abbiamo trovato pochi sbocchi. Vi spiego come potevamo sbloccarla”. E su Crivello…

Pergolizzi: “Avversari bravi, abbiamo trovato pochi sbocchi. Vi spiego come potevamo sbloccarla”. E su Crivello…

Le dichiarazioni rilasciate dal tecnico rosanero Rosario Pergolizzi al termine di Palmese-Palermo, match valido per l’undicesima giornata del campionato di Serie D

Parola a Rosario Pergolizzi.

Il Palermo, reduce dalla sconfitta casalinga contro il Savoia, ha mancato ancora la vittoria. Il testacoda del girone I contro la Palmese, andato in scena al ‘Lopresti’ di Palmi, è terminato con un pareggio a reti bianche.

Serie D, 12a giornata: il Palermo fermato dalla Palmese, il Savoia comanda 2-0 sul Nola. Risultati e classifica

Il tecnico rosanero, intervenuto in conferenza stampa al termine del match, ha commentato la prestazione dei suoi: “La squadra doveva creare uno spazio in mezzo al campo per poi attaccare, da una parte Santana e dall’altra Lucera. Questo lo abbiamo fatto poco perché loro avevano quella rapidità di tornare e rimettersi a cinque. Nel secondo tempo sono rimasti qualche volta in tre dietro, nel primo tempo non hanno mai lasciato spazi lateralmente. Quindi non abbiamo trovato sbocchi. Nel secondo tempo loro sono un po’ calati e noi siamo cresciuti e li abbiamo messi in difficoltà nelle ripartenze. Dovevamo farlo forse meglio nel primo tempo, ma loro erano messi bene in campo. Io la conoscevo questa squadra, so che da adesso fino alla fine del campionato cresceranno come squadra e metteranno in difficoltà altre squadre. Lancini out contro l’ACR Messina? Crivello e Lancini sono i due titolari, sono fondamentali nel nostro gioco. Ma abbiamo Accardi, c’è anche Peretti che è un giovane che si è dato da fare. Noi dobbiamo sempre giocare da squadra, dobbiamo cercare di fare più gol possibili. Chi segnerà di più sicuramente vincerà, ma sono convinto che sia Accardi, sia Peretti o chi verrà chiamato in causa farà un’ottima partita. Le condizioni di Crivello? Da quello che ho visto e sentito credo che starà fuori almeno tre settimane. Dopo che fai dieci vittorie di fila se perdi una partita, la sconfitta ti fa mancare un po’ il terreno sotto i piedi. Oggi è un brodino, prendiamoci questo brodino perché poteva essere un brodino amaro o potevano esserci altre conseguenze. A parte il Savoia ed il Giugliano che hanno vinto, e ho sempre detto fossero le squadre che lotteranno con noi, le altre no, quindi andiamo avanti. Sappiamo che è lunga e dura, ma con il lavoro arriveremo al nostro obiettivo, che è quello di vincere il campionato. Poi se lo vinceremo alla trentesima, alla ventesima o alla trentaquattresima giornata ce lo dirà solo il tempo. Come si possono risolvere le partite in campi così piccoli? Con le palle inattive, con un’invenzione di un giocatore, con l’uno contro uno, nell’ampiezza. Oggi, ripeto, soprattutto nel primo tempo, la Palmese ha fatto la partita perfetta. Nel secondo tempo la mia squadra ha fatto un’ottima partita: ha giocato, ha preso un palo, non so se c’era un rigore, Rizzo Pinna poteva fare gol. E creare delle occasioni con una squadra con undici giocatori la palla non è mai facile. Poi l’individualità o un’invezione può cambiare la partita“.

Pergolizzi: “Oggi una delle migliori prestazioni, ma serve più cinismo. Felici? Non è in condizione, Rizzo Pinna…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy