Pelagotti: “Fallani sta crescendo, ottimo rapporto con Felici. Serie D? Su alcuni campi anche CR7…”

Pelagotti: “Fallani sta crescendo, ottimo rapporto con Felici. Serie D? Su alcuni campi anche CR7…”

Le parole del portiere del Palermo sul suo rapporto con i compagni di squadra

Un vero e proprio leader sia sul campo sia negli spogliatoi.

Nel corso della trasmissione Siamo Aquile in onda su TRM Alberto Pelagotti, portiere del Palermo, ha affermato di avere stretto ottimi rapporti con tutti i suoi compagni di squadra. Queste le sue dichiarazioni:

Ho un buonissimo rapporto con tutti gli Under, sopratutto con Fallani e Felici. Fallani? Mattia è partito non benissimo poi pian piano è migliorato tanto e lo vedo molto pronto sia per la categoria che anche per qualcosa in più. Sta diventando un portiere a tutti gli effetti, gli manca un po’ di personalità ma con quella ci si nasce e sono sicuro che la troverà. Ha le qualità e le basi ci sono, sono certo che diventerà un gran portiere. Non tutte le sconfitte fanno male e quella contro il Licata è stata una caduta che ci ha fatto ricompattare e fare il punto della situazione, ci siamo guardati negli occhi e direi che ci siamo riscattati bene perché contro il Nola abbiamo fatto bene. Corsa di Felici verso di te dopo il gol? Abbiamo un bellissimo rapporto, è tutto l’anno che l’ho preso a cuore e gli sono stato dietro giorni e ore. Prima non si allenava come fa ora, è riuscito a fare la differenza in tante occasioni. La squadra è stata costruita in poco tempo ma Castagnini e Sagramola hanno portato il meglio, se vinciamo il campionato sono sicuro che faranno benissimo. Abbiamo fatto un po’ di fatica soprattutto per alcuni campi non troppo perfetti, direi che anche diverse squadre di Serie A farebbero fatica e tanti calciatori compreso Cristiano Ronaldo. Spero di essere un punto di riferimento e sono contento se riesco a dare un po’ di entusiasmo ai ragazzi, spero che tutti possano prendere un po’ di Pelagotti in questa annata. Peretti? Per me non è una sorpresa perché lo vedo tutti i giorni da come si allena, è cresciuto molto e sono convinto che possa diventare un grandissimo calciatore. Sta facendo la differenza  e deve continuare così. Doda? È diventato un punto fermo e sono sicuro che potrà dire la sua nel corso della sua carriera, non c’erano dubbi neanche all’inizio conoscendo Castagnini e Sagramola. Floriano? I nuovi arrivi ci hanno portato diversi punti, sia Silipo che Lucca ci hanno aiutato molto come ha fatto Roberto, un calciatore di altro livello che in questa categoria può essere soltanto devastante“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy