Palermo, tre anni fa l’ultima partita in Serie A: la vittoria contro l’Empoli e le polemiche sul “paracadute”…

Palermo, tre anni fa l’ultima partita in Serie A: la vittoria contro l’Empoli e le polemiche sul “paracadute”…

Era il 28 maggio 2017 quando il Palermo ha giocato la sua ultima partita in Serie A tra le polemiche legate al cosiddetto “paracadute”

Un anniversario tutt’altro che felice.

Era il 28 maggio 2017 quando il Palermo ha giocato la sua ultima partita in Serie A. Una sfida, quella contro l’Empoli, disputata “tra mille polemiche legate al cosiddetto ‘paracadute'”, ricorda l’edizione odierna del ‘Giornale di Sicilia’. “Un indennizzo previsto per le squadre retrocesse in Serie B, da distribuire in base al numero di anni disputati nella massima categoria nell’ultimo quadriennio. Al Palermo, qualunque fosse stato il risultato della sfida con i toscani, sarebbero spettati 25 milioni di euro. Trascinare gli empolesi tra i cadetti, però, negava automaticamente un secondo indennizzo da 15 milioni, previsto nel caso di permanenza dei rosa in Serie B nella stagione 2018/19. A tanti, forse troppi, sembrò un incentivo per falsare la corsa salvezza”, si legge.

E invece no, nonostante le vittorie esterne contro squadre del calibro di Fiorentina e Milan, gli uomini di Martusciello sono crollati definitivamente al “Renzo Barbera”, perdendo per 2-1 alla luce delle reti messe a segno da Ilija Nestorovski e Bruno Henrique. Una sconfitta che ha condannato la compagine toscana alla retrocessione in Serie B, con il Crotone che riuscì a salvarsi grazie al successo centrato contro la Lazio per 3-1. “La squadra di Bortoluzzi, a dispetto delle dietrologie, non solo mantenne l’impegno, ma chiuse con una vittoria la sua ultima partita in Serie A. […] Il Palermo prese gli applausi di chi sperava in una prestazione all’insegna della sportività, ma Zamparini non mancherà di evidenziare il peso di quella vittoria sulle casse societarie, già compromesse”, conclude il quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy