Palermo, slitta la nomina di Ponte a presidente del club: il CdA deve prima approvare il bilancio…

Palermo, slitta la nomina di Ponte a presidente del club: il CdA deve prima approvare il bilancio…

Oggi Antonio Ponte doveva essere eletto nuovo presidente del Palermo, ma la nomina è stata rinviata: ecco perché

Doveva essere proprio oggi, 26 ottobre 2018, il giorno della nomina di Antonio Ponte alla presidenza del club rosanero, invece il Palermo Calcio si ritroverebbe ancora ad attendere per questa giornata la firma sul bilancio da parte del Consiglio di Amministrazione.

(Cessione Palermo, la verità di Follieri: “Zamparini ha fallito l’ennesima trattativa, non vuole o non può vendere. I miei documenti…”)

Secondo quanto riportato all’interno della propria edizione odierna da Il Giornale di Sicilia, i trascorsi delle ultime due settimane che hanno visto dapprima, appunto, la mancata approvazione definitiva del bilancio da parte del CdA e poi quella che sembrava la chiusura della trattativa con Raffaello Follieri per la cessione totale della società siciliana da parte del patron Maurizio Zamparini (risoltasi poi in un nulla di fatto se non per dei botta e risposta piccati a suon di comunicati ufficiali tra le due parti in questione), avrebbero fatto slittare il passaggio di consegne da Daniela De Angeli ad Antonio Ponte per il ruolo di presidente del club di Viale del Fante.

La tanto attesa firma sul bilancio da parte del CdA (che sarebbe dovuta essere apposta lo scorso 26 settembre e, dopo la fumata nera, il 10 ottobre, quando sembrava essere arrivata, stando alla versione fornita dai vertici societari) si attenderebbe nella riunione di oggi per sottoporre poi il bilancio all’assemblea dei soci rinviata al 10 novembre. Una data che si avvicina in maniera pericolosa alle scadenze imposte dalla Covisoc, che se non dovessero essere rispettate porterebbero ad una penalizzazione in classifica per la formazione siciliana. L’organo di controllo dei club calcistici prevede infatti che il deposito dei bilanci approvati avvenga “entro i quindici giorni successivi alla scadenza del termine statutario di approvazione“, ossia entro quindici giorni a partire dal 30 ottobre, data ultima per far sì che il Consiglio di Amministrazione firmi il bilancio al 30 giugno 2018.

Inoltre, sempre secondo quanto rivelato dal quotidiano regionale sopracitato, la questione che concerne il bilancio avrebbe anche fermato tutti i possibili acquirenti alle quote del Palermo Calcio, che rimarrebbero in attesa di sviluppi relativamente a questa situazione. Anche la trattativa con l’uomo d’affari italo-svizzero e presidente del fondo Raifin, Antonio Ponte, starebbe ora vivendo una fase di stallo che soltanto la firma e l’approvazione del suddetto bilancio di oggi potrebbe sbloccare in maniera positiva.

(Cessione Palermo, Follieri: “Ecco qual era il mio progetto. Zamparini non ci ha fornito alcun dato, per riaprire la trattativa dovremmo…”) 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy